Excite

Incidente all'Ilva di Taranto, operaio muore schiacciato da enorme tubo. Sindacati in sciopero

  • Twitter @MediasetTgcom24

Un operaio di 49 anni della ditta appaltatrice dell’Ilva Pitrelli è morto in seguito ad incidente sul lavoro stamattina nei locali dell’industria siderurgica di Taranto, all’interno del reparto Agglomerato dove erano in corso le operazioni di smontaggio di una canna fumaria.

Processo Ilva, Vendola e i Riva alla sbarra per l'inchiesta "ambiente svenduto"

Sono stati i colleghi del lavoratore a rendere pubblica la tragica notizia, tramite le rappresentanze sindacali dello stabilimento pugliese: il decesso di Cosimo Martucci, dipendente di lungo corso della fabbrica e originario di Massafra, sarebbe avvenuto subito dopo l’arrivo sul luogo dell’incidente del personale del 118.

L’uomo è morto a causa della caduta di un pesante tubo d’acciaio legato all’imbragatura di sicurezza rivelatasi insufficiente alla protezione dell’operaio che stava caricando l’attrezzatura sul camion adibito al trasporto di componenti della canna fumaria dell’area di agglomerazione dell’acciaieria.

Sulla dinamica dei fatti e sulle eventuali responsabilità dei dirigenti della fabbrica o della ditta esterna Pitrelli indagheranno le autorità competenti, previo esame della relazione del “servizio di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro” (Spesal) inviato nei locali dell’Ilva dall’Azienda sanitaria locale.

(Giovane operaio dell'Ilva morto dopo straziante agonia: tragedia a Taranto. Video)

Anche il procuratore di Taranto Franco Sebastio si è recato nello stabilimento dove è deceduto il quarantanovenne Cosimo Martucci per raccogliere i primi elementi utili all’avvio dell’inchiesta: si tratta, come confermato dai sindacati del settore, del secondo incidente mortale registrato nel 2015, a distanza di 5 mesi dal precedente che aveva visto protagonista un operaio di 35 anni.

Immediata la reazione delle rappresentanze dei lavoratori, unite nella protesta che partirà subito con uno sciopero dei dipendenti della fabbrica pugliese e delle ditte esterne di appalti, mentre la stessa azienda in mattinata ha diramato una nota ufficiale a conferma della ricostruzione dei fatti già circolata sui media dalle 10,30 circa.

I riflettori dell’informazione nazionale si riaccendono così sull’Ilva, mettendo in luce ancora una volta i problemi irrisolti della grande acciaieria di Taranto e le relative (inevitabili) polemiche.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017