Excite

Influenza killer: possibili 80mila morti con un batterio resistente ai farmaci

  • Getty Images
Un allarme che inizia in Gran Bretagna e potrebbe espandersi velocemente in tutta l'Europa provocando decina di migliaia di morti. L'influenza killer può infatti diventare realtà in poco tempo. Il tasso di mortalità dell'infezione sarebbe di poco al di sotto del 50%: su 200mila contagi, potrebbero esserci 80mila vittime. Il rapporto, stilato dalle autorità britanniche, denuncia così la diffusione di un un batterio resistente ai farmaci. La sigla che cela la minaccia è precisamente 'Amr' (Antimicrobial Resistance Infection). Ma al di là dei nomi, conta la sostanza.

I rimedi contro l'influenza tradizionali

La situazione, secondo la ricerca degli esperti, è destinata ad aggravarsi nei prossimi venti anni quando i focolai di influenza killer potrebbero aumentare, risultando letali soprattutto per le persone più deboli. Quindi anziani, malati e anche i bambini. Questi ceppi di batteri resistenti ai farmaci sono già in crescita. "Se dovesse diffondersi un focolaio di influenza, circa 200.000 persone potrebbero essere colpite da un'infezione batterica del sangue. E non possono essere curate efficacemente con i farmaci esistenti", si legge nello studio pubblicato in parte dai giornali inglesi più prestigiosi come il Guardian e il Telegraph.

L'influenza che arriva dalla Svizzera

"Il mondo non può permettersi di non prendere provvedimenti per affrontare l’allarmante aumento della resistenza agli antibiotici e altri farmaci antimicrobici cui stiamo assistendo in questo momento", ha spiegato un portavoce del Dipartimento Salute del governo britannico. Un monito da ascoltare per evitare il rischio di affrontare una pandemia seminatrice di morte.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017