Excite

Iraq: 1 milione le vittime civili

1.033.000 è l'esatto numero di civili morti dall'inizo della guerra in Iraq ad oggi. Il bilancio, che in modo inesorabile aumenta giorno per giorno (poche ore fa due attentati hanno ucciso 60 persone a Bagdad), arriva da uno studio condotto dell'istituto britannico 'Opinion Research Business' in collaborazione con l''Independent Institute for Administration and Civil Society Studies' iracheno.

L'analisi, effettuata dagli istituti specializzati con l'ausilio di metodi statistici, riguarda un periodo compreso tra il marzo 2003 all'agosto 2007, intervistando a campione 2.414 adulti iracheni. Di questi il 20 per cento ha avuto almeno un parente ucciso. Si calcolato, in base al cendimento della popolazione irachena datato 1997 che siano morte fra 946 258 e 1,12 milioni di persone.

Molte le vittime anche tra i giornalisti. Sarebbero 146 in tutto, di cui: 104 iracheni, 13 europei e 2 americani, a cui vanno aggiunti 49 tecnici audio e video, secondo la stima del Committee toProtect Journalists di New York.

Stando a uno studio pubblicato oggi dal Washington Post, lo scorso anno sono stati 121 i soldati che si sono tolti la vita, quasi il 20% in piu' rispetto al 2006. Nello stesso periodo di tempo, il numero dei tentati suicidi e dei gesti di autolesionismo sono aumentati di sei volte rispetto all'inizio della guerra in Iraq: 2.100 contro i 350 del 2002.

L'autore dello studio pubblicato dal Wp, il colonnello Elspeth Cameron Ritchie, capo psichiatra dell'esercito, ha affermato che i suicidi e i tentati suicidi dei soldati dipendono dall'inadeguatezza delle misure adottate per valutare, controllare e curare i soldati con problemi psichici: "l'attuale Programma di prevenzione dei suicidi nell'esercito - ha confermato Ritchie - non era stato pensato per situazioni di combattimento e dispiegamento sul terreno".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016