Excite

Iraq, ultime notizie: raid aerei Usa contro l'Isis. Obama soddisfatto per gli "obiettivi raggiunti"

  • Getty Images

Può ritenersi conclusa la prima fase dell’offensiva aerea degli Usa in Iraq, contro le postazioni militari dell’Isis in varie zone nel paese mediorientale sotto il controllo dei gruppi armati fondamentalisti che fanno capo al cosiddetto “califfo” Al Baghdadi.

Gaza, l'illusione della tregua tra Israele e Hamas dopo giorni di guerra

I raid a tappeto delle forze militari a stelle e strisce sono durati un paio di ore ed hanno colpito attrezzature belliche e infrastrutture utilizzate dai miliziani jihadisti per il controllo del territorio e l’avanzata verso il villaggi vicini alle regioni già conquistate, in particolare nell’area curda di Erbil dove migliaia di civili stanno tentando di scappare dai combattimenti in corso ed anche nei pressi di Mosul.

Circa venti, stando ai briefing resi pubblici dai portavoce dell’esercito Usa, i guerriglieri uccisi e più di 50 i feriti dopo i bombardamenti effettuati nelle ultime ore da jet e droni lancia-missili partiti dalle più vicine basi americane.

(Barack Obama autorizza l'inizio della nuova missione militare americana in Iraq)

Le missioni dal cielo dei caccia proseguiranno, secondo quanto assicurato da Barack Obama, “finché sarà necessario” e cioè fino al raggiungimento degli obiettivi stabiliti, mentre lo stesso presidente statunitense si è impegnato a promuovere una distribuzione massiccia di aiuti umanitari per le popolazioni in fuga dal Kurdistan iracheno.

La parola “guerra” sembra ufficialmente bandita dal vocabolario della Casa Bianca, in virtù di una nuova dottrina incentrata sulla ricerca di una “soluzione non militare ai conflitti nel mondo: “Gli Stati Uniti non devono intervenire ogni volta che ci sono crisi, ma in questo caso si tratta di impedire un massacro di innocenti ha poi precisato il Capo di Stato americano nella conferenza stampa seguente al completamento delle azioni militari in Iraq nella fase iniziale dell’attacco al Califfato islamico di Al Baghdadi.

Nessuna certezza, per il momento, sussiste in merito alla durata delle operazioni della US Air Force nel teatro di guerra iracheno, anche se alla luce del radicamento dell’Isis nei territori mediorientali appare difficile immaginare una conclusione dei raid nel giro di pochi giorni.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017