Excite

Isabella Santacroce, proposta choc

I maligni la descrivono come una donna rimasta ancorata alla fase adolescenziale della propria vita, gli estimatori ne parlano come di una scrittrice di tendenza, “prosatrice di altissima qualità, ipnotica, incantatoria, e sotto tutti gli aspetti stupefacente”, secondo l’opinione del critico letterario Cesare Garboli.

Isabella Santacroce, da poco in libreria con il suo nuovo Zoo, in un modo o nell’altro fa sempre parlare di sé, e anche la rete impazzisce dietro le sue parole, rincorre le sue provocazioni. L'ultima? Assolutamente clamorosa: “Volete rimanere con me dentro una stanza?Volete che io sia la vostra Mistress per sessanta minuti? Da oggi è possibile avermi, pagando. Scrivetemi”.
Non è una battuta. E' la verità. Basta fare un'offerta e Isabella potrebbe venire a casa vostra per farvi da maestra del sesso per un'ora.

L'annuncio, apparso qualche settimana fa sul sito della trentottenne autrice, ha immediatamente fatto il giro del web suscitando curiosità e battutine da parte di semplici internauti, ma anche di tanti blogger: quello di “andiuarol” simpaticamente offre un "buono McDonald's per due Chicken McNuggets valido sino al 10 dicembre; autografo di Enzo Francescoli; CD di Mike Patton intitolato 'Pranzo Oltranzista'; pallosissimo libro del Nobel Pamuk intitolato 'Istanbul'; rara registrazione di concerto segreto di Richard Benson”.
Ma l’iniziativa della Santacroce non ha riscosso solo curiosità ed ilarità.

"Uno scrittore dovrebbe far parlare di sé per quello che scrive e non per come si veste. Credo che ogni scrittore sia resposabile di quello che scrive, e che dovrebbe abituarsi a misurarsi di più con questa sua responsabilità: è un obbligo morale”, commenta “Nevio”.
E lei? La controversa scrittrice non si scompone, prepara altri lavori e tanto per non risultare politicamente corretta afferma in un’intervista rilasciata al sito Intercom: “Non me ne frega niente della letteratura e della narrativa e non me ne frega niente nemmeno della poesia. Dovrebbero starsene zitti e pregare quei tipi che fanno tutti quei dibattiti intorno al ruolo della letteratura e della narrativa. Mi fa un po’ senso la letteratura, preferisco le mandorle alla vaniglia. Mi fa senso chi crede di fare letteratura, chi parla troppo di letteratura, chi ripete di continuo la parola letteratura, la letteratura non esiste, esistono buchi enormi da riempire di rumore. Non sopporto neppure chi si considera poeta, chi crede di esserlo, chi si atteggia da poeta, i poeti sono insopportabili, tutti i poeti che si credono poeti sono ignobili”.

Vi riportiamo un paio di video tratti dal blog di Isabella Santacroce.

Uno stralcio tratto da una presentazione alla stampa


Uno dei tanti video apparsi sul suo blog

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016