Excite

Israele, 10mila alberi dedicati a Giorgio Perlasca

In Israele sorge una foresta di 10mila alberi con pini, cipressi eucalipti, fichi, querce e pistacchi, dedicata a Giorgio Perlasca, l'uomo che si spacciò per console spagnolo salvando le vite di migliaia di ebrei. A far piantare questi alberi Walter Arbib, un ebreo nato in Libia che negli anni Sessanta vide la sua casa a Tripoli incendiata dai libici.

A raccontare la sua storia il quotidiano Il Corriere della Sera. Arbib, fuggito dalla Libia, è arrivato in Italia dove è diventato imprenditore, titolare della compagnia aerea SkyLink, e filantropo. E' stato lui a curare il trasporto del famoso obelisco di Axum nel momento in cui l'Italia ha deciso di restituirlo all'Etiopia.

La foresta dedicata a Giorgio Perlasca e voluta da Arbib è stata apprezzata dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che proprio nei giorni scorsi ha visitato Israele. Nel corso della cerimonia nella quale è stata consegnata una targa su cui sono messi in evidenza il coraggio e la profonda umanità di Perlasca, il figlio Franco ha detto: 'Un uomo normale, non un eroe, perché lui riteneva di aver fatto solo il proprio dovere'.

Ma Perlasca si è comportato da eroe. Durante la Seconda Guerra Mondiale Perlasca lavorava in Ungheria per una ditta che importava bestiame. Dal momento che alcuni Paesi, tra cui la Spagna, potevano concedere asilo agli ebrei, Perlasca cambiò il suo nome Giorgio in Jorge, si spacciò per diplomatico spagnolo ed ingannò i tedeschi prendendo sotto la sua protezione migliaia di ebrei. Perlasca non ha mai raccontato la sua storia, che è venuta alla luce nel 1988 quando due degli oltre 5mila ebrei salvati si sono presentati a casa sua per ringraziarlo.

I 10mila alberi dedicati a Giorgio Perlasca sono stati piantati a cominciare dal 2004 su una collina della Galilea e fanno parte della Ahihud forest, una grande distesa di alberi piantati all'inizio degli anni Cinquanta dagli ebrei emigrati verso il nuovo stato israeliano. Per celebrare l'iniziativa si è atteso che i 10mila alberi crescessero.

Foto: giorgioperlasca.it

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017