Excite

Israele, attacco di terra a Gaza: morti 20 palestinesi, bambini tra le vittime

  • Corriere.it

L’esercito israeliano nella notte tra giovedì e venerdì ha invaso Gaza via terra. Si contano 20 palestinesi uccisi tra cui figura un bambino di appena cinque mesi, dall’inizio dell’operazione Margini sono 260 i palestinesi rimasti uccisi con circa 2000 feriti. Nella notte morto anche un soldato di Tel Aviv, si tratta del primo soldato israeliano che perde la vita dall’inizio del conflitto. Solo ieri un giornalista della Bbc aveva fatto sapere che un dirigente israeliano sotto anonimato aveva dato per certa un’intesa tra Israele e Hamas che avrebbe portato alla fine del conflitto. Notizia smentito subito da Hamas.

(Israele-Gaza, la tregua umanitaria)

L’esercito israeliano avanza e nella notte i bombardamenti su Gaza sono proseguiti e dalla Striscia ci sono stati lanci di razzi verso lo Stato ebraico. Nonostante siano stati colpiti oltre cento “siti del terrore” e circa nove tunnel l’offensiva non si ferma così come ha ordinato Netanyahu: “Colpiremo i tunnel che arrivano da Gaza fin dentro Israele”. Si tratta di una nuova fase che ha come obiettivo la distruzione dei bunker che nascondono i miliziani di Hamas.

Gaza, pioggia di bombe e Israele minaccia offensiva di terra

Ogni minuto c’è un colpo di carro armato e l’intera zona di confine è sotto il fuoco tanto che agli israeliani che abitano nell’area di confine della Striscia è stato chiesto di restare in casa. A stretto giro arriva la replica di Hamas: “Aspettavamo con ansia questa operazione di terra a Gaza per impartire una lezione a Israele. L’operazione terrestre a Gaza è un drastico e pericoloso passo, e l’occupazione pagherà un prezzo pesante”. Le persone sono nel panico dopo i bombardamenti e cercano rifugio e aumenta con il passare delle ora il numero delle vittime anche tra i bambini.

(Pioggia di bombe israeliane su Gaza, il reportage esclusivo della Bbc)

Nel quartiere Sabra a Gaza tre bambini di dieci anni stavano giocando sul tetto della casa quando l’abitazione è stata colpita da un missile e i tre piccoli hanno perso la vita mentre raggiungevano l’ospedale. Altri quattro bambini sono rimasti feriti in modo serio mentre a Khan Yunis dopo un bombardamento sono morti una bambina di quattro anni e un uomo di 29. L’obiettivo, vista la prima fase delle operazioni, potrebbe essere quello di dividere in due la Striscia. Nella zona Nord dove vivono centomila persone non si vede una via di fuga.

Abu Mazen ha commentato la decisione israeliana ritenendo che questo provocherà maggiore spargimento di sangue riducendo le possibilità di mettere fine al conflitto. Con il passare delle ore si riducono sempre più le speranze affidate alla mediazione israeliana, il conflitto si inasprisce continuando a causare morti. L’amministrazione Obama ha accusato subito dopo l’offensiva Israele di non fare il possibile per evitare morti tra i civili e non è mancato una condanna agli attacchi di Hamas al territorio israeliano.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017