Excite

Jo Squillo trova un topo vivo nell'olio al ristorante a Parigi: pranzo shock per la cantante

  • Getty Images

Parigi Fashion Week assolutamente indimenticabile per Jo Squillo, ma di certo non nel modo che si aspettava: a pranzo in un ristorante della Ville Lumière con Antonio Muciaccia e Francesca Carollo di Mediaset, la cantautrice e conduttrice tv si è infatti ritrovata a tu per tu con un topo vivo, che cercava disperatamente di uscire dall'oliera appoggiata sul tavolo.

Belluno: trova un topo nel latte, l'azienda chiede le prove

E se incontrare un cugino di Mickey Mouse non è mai piacevole, figurarsi lo shock di vederlo dentro al condimento dell'insalata: Jo Squillo e i suoi commensali sono rimasti pietrificati e dopo l'impasse della sorpresa causata dall'ospite inatteso si sono messi a gridare, richiamando l'attenzione di un cameriere. Il quale - stando al resoconto dei diretti interessati - non ha fatto una piega e ha portato via l'oliera 'incriminata' senza battere ciglio.

"Ci hanno quasi ignorato, non ci hanno neppure chiesto scusa", hanno detto Jo e Francesca, aggiungendo che oltre al danno c'è stata pure la beffa: "Ci hanno anche portato il conto, che abbiamo naturalmente pagato". Nessun indennizzo, dunque, per la disavventura: i titolari del ristorante non hanno ritenuto opportuno stracciare la fattura, né fare uno sconto o offrire un dessert ai clienti shockati (anche se dopo aver visto un topo fare stile libero nell'olio è facile immaginare che i tre italiani avrebbero declinato graziosamente qualsiasi 'regalo' di natura alimentare).

Del resto, nella Ville Lumière i roditori abbondano e quindi secondo i cugini d'Oltralpe nulla di strano: "Il padrone del locale si è limitato a dirci che Parigi è piena di topi e anche i ristoranti e che loro non possono farci niente. Incredibile". O forse no: magari il nuotatore nell'olio era un aiutante di Rémy, il baffuto protagonista del cartoon Ratatouille, finito a mollo nel bel mezzo di qualche raffinata preparazione...

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017