Excite

Joseph Kony, chi è l'uomo che invade la Rete?

  • YouTube

Chi è Joseph Kony? E' il nome che da questa mattina circola all'impazzata in Rete. Il video "Kony 2012" di cui è protagonista ha toccato i 21 milioni di click. Una cifra record anche se in realtà l'uomo è più conosciuto per altri tristissimi primati: sono circa 60.000 i bambini, che in 26 anni, secondo le stime della Banca Mondiale, Joseph Kony, guerrigliero fondatore del movimento dell'Uganda "Lord's Resistance Army", ha rapito per poi trasformarli in combattenti della guerriglia ugandese o in suoi schiavi sessuali.

Allora, di nuovo: chi è Joseph Kony? E' l'uomo più malvagio della terra. Nato a Atyak in Uganda il 18 settembre 1964, lo scopo del suo movimento di guerriglieri è, almeno in teoria, trasformare l'Uganda in una teocrazia basata su i 10 comandamenti. I bambini che Kony rapisce vengono usati come animali da soma fino a quando hanno le forze. Dopo vengono buttati via, uccisi o lasciati morire di stenti. Alcune bambine rapite, le più carine, diventano le mogli di Kony che ne ha sposate finora una sessantina.

Ai bambini che ribellano e cercano di scappare sottraendosi al loro destino, Kony fa tagliare il naso, le labbra o le orecchie, costringendoli a un rito allucinante, criminale: devono mangiare le parti dei loro corpi tagliate. Questi gli abusi fisici ma il capo guerriglia è famoso anche per le vessazioni psicologiche. La manipolazione è lo strumento di Kony: alcuni bambini come rito di iniziazione sono costretti ad uccidere i propri genitori con armi da taglio.

Il video di cui vi parlavamo all'inzio "Kony 2012", è opera dell associazione "Invisible Children Inc", ed ha lo scopo di sensibilizzare la popolazione mondiale sui crimini contro l'umanità commessi e costringere i Governanti del pianeta a prendere provvedimenti contro Kony. L'associazione è sola: nessun Paese, neanche gli Stati Uniti d'America vogliono intervenire. Così Invisible Children Inc punta alla campagna virale e sta ottenendo finalmente risultati grandiosi almeno in termini di mobilitazione dell'opinione pubblica tramite i social network.

Il protagonista del documentario è un bambino ugandese, Jacob, che racconta la sua vita al fianco di Kony. Un momento terribile dell'intervista è quando Jacob guarda in camera e dice: "Se volete aiutarmi ammazzatemi". Il video in lingua inglese contiene alcune immagini forti.

Kony 2012

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017