Excite

Jovanotti, un monologo per l'Earth Day

Domani sarà l'Earth Day, la Giornata della Terra fissata in tutto il mondo per il 22 aprile. Per l'occasione il cantante Lorenzo Ceherubini, in arte Jovanotti, ha scritto un "monologo" in onda domani su Sky Cinema Mania alle ore 20.40 con il titolo "Conversazione con Jovanotti".

"NON sono Al Gore... In realtà io faccio una vita piuttosto normale, insieme alla mia famiglia semplicemente cerchiamo di rispettare l'ambiente nei piccoli gesti quotidiani. Io sono, per carattere, non catastrofista. Cercherei di fare un ritratto abbastanza positivo della situazione. Ci sono dei segni molto positivi che stanno arrivando: pensate quanto è cambiata la coscienza ecologica negli ultimi 10 anni. È cambiata veramente tanto. Ci sono anche dei segni che ci indicano che abbiamo preso la strada sbagliata: come la tendenza ad antropomorfizzare la natura. Questa idea che la natura è una specie di parente che ogni tanto bisogna andare a trovare non è una idea sana secondo me: la natura è tutto. Siamo passati dal futuro come promessa, al futuro come minaccia. E questa è la vera forma di resistenza che noi dobbiamo portare avanti: cercare di tornare, di recuperare una visione del futuro come promessa e non del futuro come minaccia". Questo il pensiero di Jovanotti riguardo alla situazione in cui versa il nostro pianeta.

Il cantante poi prosegue affermando: "Come genitore penso veramente che le cose cambieranno. Rispetto alla coscienza ecologica stanno già cambiando. Stanno cambiando anche in questo momento. In fondo ciò che è utile diventa automaticamente bello. Io vorrei vedere i nostri centri storici pieni di pannelli solari, perché sono molto belli. È la funzione che esercitano che li rende belli. Così come il corpo di una donna è bello perché è riproduttivo, allo stesso modo è interessante tutto quello che ha a che fare con l'ecologia oggi perché ci fa venire in mente la riproduzione della nostra specie, la sopravvivenza della nostra specie. Tutte queste eliche lungo i nostri crinali all'inizio disturbavano un po', adesso sempre meno. Tra un po' sarà bellissimo vedere un crinale con le eliche per l'energia eolica. Così come, probabilmente, negli anni '50 e '60 un "signorotto" passando davanti ad una delle fabbriche che sbuffavano fumo avrà pensato: "Che meraviglia il mondo moderno!". Dobbiamo andare un futuro in cui non c'è più l'Earth Day, ma è tutti i giorni Earth Day".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016