Excite

La reporter ungherese si giustifica: "Ho sgambettato migrante perché avevo paura"

  • YouTube
È stato uno dei gesti più orribili visti in questi giorni, già pieno di scene terrificanti. La reporter ungherese di N1tv, Petra Laszlo, ha cercato di giustificarsi dopo l'arrivo del licenziamento. In un'intervista al giornale britannico The Guardian, la cameraman ha sostenuto di aver reagito d'istinto: "Stavo filmando, poi tutto ad un tratto i migranti hanno rotto il cordone della polizia. Tutti hanno iniziato a correre, uno di loro è corso verso di me e ho avuto paura", ha detto.

Leggi anche la notizia del licenziamento di Petra Laszlo

Il video, però, racconta una versione diversa: i migranti, nei pressi di Roszke in Ungheria, vogliono solo varcare il confine e andare via per trovare il primo treno utile a raggiungere la Germania. Non c'è alcun elemento che possa far pensare a un intento violento. Lei sostiene "che è scattato qualcosa". Anche in una lettera al quotidiano ungherese Magyar ha cercato di argomentare una difesa: "È difficile prendere decisioni quando si è in preda al panico e si vedono persone correre nella tua direzione. Mi dispiace per quello che è successo e da madre sono spiaciuta anche per quello che è accaduto a quel bambino, non me ne sono nemmeno accorto. Io non sono senza cuore. Non mi merito né la caccia all’uomo scatenatasi contro di me né le minacce di morte che sto ricevendo".

A seguire il video che inchioda la reporter

Petra Laszlo, peraltro, era inviata di N1tv, un canale vicino al partito di estrema destra Jobbik, noto per le simpatie neo-naziste. E che di certo non vede di buon occhio l'ondata migratoria. Ciononostante anche i vertici della tv hanno deciso di interrompere il rapporto di lavoro, ritenendo ingiustificabile l'accaduto. Lei ha voluto spiegare: "Non sono una razzista senza scrupoli. Sono andata nel panico quando il cordone della polizia è saltato e le persone hanno cominciato a correre". E infine aggiunge: "Ora sono una donna disoccupata, ho dei bambini piccoli. Mi scuso per quanto è accaduto". Scuse che, rivedendo quelle immagini, sono davvero difficili da accettare.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017