Excite

La Spezia, finto cieco truffa lo Stato per 40 anni

Si è finto cieco per 40 anni truffando lo Stato. Un uomo di La Spezia, 72 anni, ha ricevuto per quasi mezzo secolo l'indennità di accompagnamento e la pensione di invalidità fingendosi non vedente. I Carabinieri del reparto operativo di La Spezia lo hanno scoperto e denunciato con l'accusa di truffa aggravata e continuata ai danni dello Stato. L'uomo ha lavorato 25 anni all'Inps (Istituto Nazionale della Previdenza Sociale) dove è riuscito a farsi assumere nei posti riservati agli invalidi.

Le indagini sono partite dopo un semplice controllo stradale. A dicembre, infatti, l'uomo è stato fermato a bordo di un'Ape Car ed è stato multato perché trovato sprovvisto del patentino. Ma l'invalidità dichiarata dal 72enne ha insospettito i Carabinieri che hanno avviato degli accertamenti durante i quali lo hanno più volte filmato alla guida della sua autovettura. Da quanto emerso nel corso delle indagini, l'uomo è stato dichiarato invalido per cecità nel 1965 e, grazie a una segnalazione dell'Unione italiana ciechi, è stato assunto come centralinista presso la sede Inps di La Spezia. Nel 1971 poi l'anziano ha chiesto l'aggravemento. Dal 1977 l'uomo risulta cieco assoluto.

A partire dal 1991, dopo 25 anni come dipendente dell'Inps, il 72enne ha percepito l'indennità di accompagnamento di circa 800 euro mensili, oltre alla pensione di invalidità e alla pensione come dipendente dell'Inps. Il paradosso è che, dopo aver ottenuto la dichiarazione di cecità, l'uomo ha più volte lasciato il luogo di lavoro in motorino venendo ripreso dai superiori per essersi allontanato nell'orario di ufficio.

La Corte dei Conti è ora al lavoro per valutare il danno erariale comunque non al di sotto dei 300mila euro.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016