Excite

Lamezia Terme, alla guida sotto effetto di droga. Ha ucciso 7 ciclisti

Chafik Elketani, il marocchino di 21 anni che ieri mattina a Lamezia Terme ha travolto e ucciso con la sua auto sette ciclisti, è stato fermato con l'accusa di omicidio colposo plurimo aggravato dalla guida in stato di alterazione da sostanze stupefacenti. Elketani è risultato positivo al test della cannabis. Il giovane, residente a Gizzeria, in provincia di Catanzaro, immigrato regolare, è stato soccorso subito dopo l'incidente e poi è stato trasferito nel centro clinico del carcere di Catanzaro.

Guarda le foto dopo l'incidente

L'incidente è avvenuto lungo la strada statale 18, nel quartiere di S. Eufemia, al chilometro 372 poco prima delle 11.00 di ieri mattina. Queste le vittime: Rosario Perri, 55 anni; Vinicio Pottin, 47 anni; Giovanni Cannizzaro, 58 anni; Pasquale De Luca, 35 anni; Fortunato Bernardi, 58 anni. I feriti: Gennaro Perri, 47 anni, Fabio Davoli, 41 anni e Domenico Strangis, 47 anni.

La dinamica pare chiara. L'incidente è stato provocato dall'elevata velocità della Mercedes guidata da Elketani. Durante un sorpasso azzardato l'auto è sbandata finendo contro il gruppo di ciclisti, i cui corpi sono stati sbalzati sull'asfalto, tre sono addirittura finiti dietro una recinzione. Uno scenario terribile che ha sconvolto anche i passanti. A quanto pare in pochi hanno avuto il coraggio di fermarsi per prestare i primi soccorsi. Tra di essi un automobilista di Lamezia Terme, Clemente Folinazzo, che si è avvicinato ad uno dei feriti Gennaro Perri Il soccorritore ha raccontato che Perri gli ha detto di avere un forte dolore alla schiena e poi ha aggiunto che non si trattava di nulla di grave e di pensare al fratello. Perri ha poi indirizzato i soccorritori verso il giardinetto di un'abitazione che si trova lungo la statale 18, a una decina di metri dal luogo dell'incidente, qui è stato trovato un altro ferito. Il soccorritore ha raccontato: 'Quando sono arrivato ho notato il marocchino col volto insanguinato che a piedi stava camminando tenendo il figlio per mano. Ho visto uno scenario apocalittico neanche una bomba avrebbe fatto tanti danni. Ci sono stati alcuni automobilisti che non ce l'hanno fatta per lo shock a scendere dall'auto e sono tornati indietro'.

Alcuni automobilisti che proprio ieri mattina si trovavano a viaggiare lungo la strada statale 18 hanno raccontato che mancavano pochi minuti alle 11.00 quando i ciclisti, in sella alle loro biciclette, sono stati letteralmente travolti dall'auto condotta dal marocchino probabilmente in stato di alterazione da sostanze stupefacenti. La Mercedes guidata da Elketani ha incominciato a sbandare per la forte velocità travolgendo frontalmente il gruppo dei ciclisti e uccidendone sette sul colpo.

In occasione dei funerali dei sette ciclisti il Comune di Lamezia Terme proclamerà il lutto cittadino. Il sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, che si è recato sul luogo dell'incidente ed ha incontrato alcuni dei familiari dei ciclisti morti, ha detto: 'La città è sgomenta e si stringe intorno alle famiglie delle persone scomparse. Il lutto è di tutti. Da oggi la città è in lutto anche se formalmente sarà il giorno dei funerali'.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017