Excite

Immigrazione a Lampedusa, abitanti in rivolta

I quasi 2.500 nordafricani giunti nelle ultime 24 ore sull'isola di Lampedusa hanno scatenato una dura reazione da parte dei residenti che si sentono sotto assedio. Ieri per alcune ore molti abitanti, tra cui soprattutto numerose donne, hanno bloccato il molo del porto per chiedere una soluzione definita all'emergenza immigrazione.

Tutte le news sulla situazione a Lampedusa

Le immagini degli sbarchi a Lampedusa

Il presidio al porto è scattato dopo le critiche rivolte dal presidente del Consiglio comunale, Vincenzo D'Ancona, a un gruppo di lampedusane. Nel corso dell'assemblea del comitato delle donne D'Ancona, accusato di non essersi impegnato abbastanza per risolvere l'emergenza, ha detto alle lampedusane presenti: 'Siete bestie'. Parole che hanno fatto sfiorare la rissa e che hanno suscitato la dura reazione degli abitanti dell'isola.

I consiglieri di Lampedusa si incatenano al porto

Gli abitanti di Lampedusa sono all'esasperazione. Si lamentano della sporcizia che ricopre l'isola e temono malattie. Per controllare lo stato igienico-sanitario dell'isola sono arrivati ieri gli ispettori del Ministero della Salute. Uno di loro, Tullio Prestileo, ha detto che è necessario 'svuotare' Lampedusa immediatamente, trasferendo gli immigrati presenti, o la situazione sanitaria sull'isola, a brevissimo, potrebbe non essere più sotto controllo. Sebbene l'Oms abbia assicurato che al momento non ci sono rischi specifici di epidemie, né sono state segnalate particolari infezioni, la situazione potrebbe, quindi, presto degenerare.

Anche l'assessore alla Salute della Regione siciliana, Massimo Russo, ha parlato di una situazione grave. In conferenza stampa a Lampedusa con il coordinatore dell'ufficio regionale sull'isola, l'assessore regionale Gianmaria Sparma, e gli ispettori sanitari, Russo ha detto: 'Se domani l'isola non si svuota perché non arrivano le navi a Lampedusa avremo una bomba pronta ad esplodere'.

Il ministro dell'Interno Roberto Maroni e il commissario per l'emergenza immigrati, prefetto Giuseppe Caruso, hanno fatto sapere che entro domani Lampedusa verrà evacuata grazie all'intervento di sei navi, con una capienza totale di circa 10mila posti. E domani stesso un Consiglio dei ministri straordinario discuterà del piano di svuotamento dell'isola.

Nel frattempo ai lampedusani arriva il sostegno dei vescovi italiani. Il cardinale Angelo Bagnasco, nella sua prolusione al Consiglio Cei, ha detto che di fronte all'emergenza dei flussi migratori e all'arrivo di tanti profughi, gli abitanti dell'isola non devono sentirsi soli. La Conferenza episcopale italiana ha dunque chiesto al governo 'un ulteriore sforzo perché, avvalendosi di tutti gli strumenti anche comunitari, si dia sollievo all'isola e ai suoi abitanti'.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017