Excite

Lapo Elkann ricattato per video compromettente vicino a piste di cocaina: arrestato fotografo dei vip

  • Getty Images

Sono scattate le manette, a distanza di anni dalla disavventura di Lapo Elkann ripreso in un video compromettente che lo mostrava in condizioni imbarazzanti a notte fonda, nei confronti di Giovanni Bellavista e Fabrizio Pensa, rispettivamente fratello del cameriere già arrestato per la stessa vicenda e fotografo dei vip protagonista del ricatto.

Il rampollo di casa Agnelli la fashion designer fidanzati: gossip su Elkann e Fossati

Pesanti le accuse della Procura a carico degli indagati, ritenuti colpevoli di estorsione con l’aggravante del traffico di sostanze stupefacenti, usate come arma di pressione contro l’illustre esponente della famiglia Agnelli, tenuto sotto minaccia dai due personaggi incontrati fortuitamente nel corso di una serata confusa e poco felice, di cui il dirigente della Fiat sostiene di non avere alcun ricordo.

Il video in questione era stato realizzato nell’appartamento di Milano dove Lapo Elkann aveva trascorso l’ultima parte della nottata “incriminata”, dopo aver usufruito del passaggio di uno sconosciuto che gli aveva offerto aiuto spontaneamente facendolo salire in macchina per scortarlo fino a casa.

Ubriaco e in confusione, il nipote di Gianni Agnelli si era fidato dei soccorritori non accorgendosi degli intenti evidentemente non del tutto benevoli delle persone conosciute in strada: al risveglio dallo stato confusionale nel quale era piombato da ore forse sotto l’effetto di droghe offerte dagli accompagnatori, l’imprenditore si era ritrovato con una tuta addosso e molto sudato.

(Denaro come contropartita del filmato scandaloso con Lapo Elkann: il video)

Proprio per gli sviluppi di tale episodio, i carabinieri hanno arrestato il fotografo (noto nel mondo dello spettacolo grazie alla passata collaborazione con Fabrizio Corona) Fabrizio Pensa detto “Bicio”, specialista di lungo corso in gossip dei vip italiani.

Insieme al famoso paparazzo, i militari hanno assicurato alla giustizia Giovanni Bellavista, fratello di Enrico e indiziato di reati simili rispetto a quelli commessi dagli altri estorsori finiti in manette nell’operazione condotta da Nucleo Investigativo.

Decisiva, ai fini dell’individuazione dei responsabili del ricatto scoperto dalla Procura, la denuncia presentata presso la caserma dell’Arma da Lapo Elkann, deciso a far arrestare le persone che lo avevano ripetutamente minacciato chiedendo denaro in cambio della cancellazione del video girato tempo fa a Milano.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017