Excite

Lavoro, sì alle discussioni

Secondo uno studio condotto da un team dell'Università di Stoccolma e pubblicato sul Journal of Epidemiology and Community Health, litigare in ufficio fa bene. Subire in silenzio, a quanto pare, fa male alla salute; molto meglio una discussione, magari anche accesa.

Sembra, infatti, che i lavoratori che ingoiano il boccone amaro senza proferir parola rischiano un attacco cardiaco, anche letale, in misura doppia rispetto ai colleghi che manifestano apertamente la loro rabbia. Lo studio ha poi evidenziato che i lavoratori abituati a subire in silenzio hanno una salute in generale peggiore rispetto a quelli che manifestano il proprio dissenso. A quanto pare i problemi più frequenti per i lavoratori silenziosi sarebbero: pressione alta, problemi cardiovascolari e sistema immunitario più debole.

Per giungere a tali conclusioni gli studiosi hanno monitorato 2.755 uomini dai primi anni '90 fino al 2003. I parametri presi in considerazione sono stati molteplici, tra questi pressione, indice di massa corporea, colesterolo. I ricercatori hanno poi indagato in che modo ogni lavoratore fronteggiava i conflitti in ufficio.

Ebbene, i risultati dello studio hanno evidenziato che sopportare in silenzio è nocivo per la salute tanto degli uomini quanto delle donne, sebbene le conclusioni più chiare sono state raggiunte per quanto riguarda l'universo maschile. Al quotidiano britannico The Independent colei che ha condotto lo studio, Constanze Leineweber dello Stress Research Institute dell'Università di Stoccolma, ha affermato: "Non raccomando di urlare contro il capo. Questa non è la soluzione migliore. Ma è sempre meglio dire che ci si sente trattati male e trovare soluzioni costruttive. Abbiamo evidenziato un aumento del rischio tra coloro che non comunicano con il capo. Devono esserci delle strade per ridurre questo rischio".

La Leineweber ha poi aggiunto: "Naturalmente sarebbe meglio avere un ambiente di lavoro dove non ci sono conflitti, ma questo non è sempre possibile".

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016