Excite

Lea Di Leo: "A letto col senatore Baldassarri". I vip ricattati smentiscono

  • Youtube

Lea di Leo fa tremare il mondo dei vip con le sue dichiarazioni. L'attrice a luci rosse è stata ascoltata a Marsala come testimone d'accusa nel processo che vede imputati il presidente e il direttore della Imart Edizioni, Giuseppe Aleci e Gaspare Richici, accusati di tentata estorsione nei confronti di personaggi in vista del mondo dello spettacolo, dello sport e della politica che avrebbero avuto rapporti con la Di Leo.

Lea di Leo: guarda le foto

Il ricatto era finalizzato ad ottenere ingenti somme di denaro in cambio dell'oscuramento dei nomi vip dall'autobiografia dell'attrice: il libro non venne mai pubblicato, anche perchè la stessa autrice denunciò il presiente della casa editrice a seguito di un servizio delle Iene che svelava i tentativi di ricattare i protagonisti delle avventure erotiche. Una trentina i vip finiti nella rete dei presunti ricattatori, per cifre che vanno dai 10 ai 40mila euro.

Ora la testimonianza della Di Leo (nome d'arte per Sonia Faccio) è centrale nel processo contro i due imputati: in Tribunale l'attrice, che figura come parte lesa del procedimento, ha dichiarato di aver avuto rapporti anche con il senatore di Futuro e Libertà per l'Italia Mario Baldassarri, ex viceministro dell'Economia e ora presidente della commissione Finanze. Nel suo carnet di clienti ci sarebbe stato anche un prete, un vescovo veneto. Oltre a diversi personaggi dello spettacolo e dello sport.

Immediate le reazioni di coloro che sono stati tirati in ballo. Contattato dal Corriere della sera, Baldassarri ha smentito qualunque contatto con la donna: "Mai conosciuta! - dice il senatore - Se ha fatto il mio nome la querelo!". Poi spiega di essere già stato contattato dagli inquirenti: "Di vero c'è che 2 anni fa venni chiamato dai giudici di Trapani che mi chiesero se avevo ricevuto pressioni dalla casa editrice Imart e se conoscevo la Di Leo. Rimasi allibito, era una storia che non stava in piedi...".

Si sono detti completamente estranei alla vicenda anche tutti gli altri personaggi coinvolti dalla Di Leo nelle sue confessioni erotiche: racconti piccanti che classificavano i partner in base a criteri di selezione ben precisi ("durezza, dimensione, durata" annunciò l'attrice parlando del suo libro). Smentiscono secccamente di aver avuto a che fare con la Di Leo campioni del calcio, musicisti, attori.

Marco Borriello, bomber del Genoa, al Corriere racconta di aver conosciuto la donna due anni fa e di avere sporto regolare denuncia quando ha ricevto una richiesta di denaro: "L'ho conosciuta ad una festa, c’era anche Ambrosini. Non ricordo di averle rivolto la parola. Tempo dopo, ricevemmo una lettera in cui si parlava del libro e ci chiedevano soldi. Presentammo denuncia a Trapani". Anche il cantante Gianluca Grignani era stato coinvolto: "Un giudice di Marsala mi disse che la Di Leo era stata con uno del mio staff. Poi ha però usato il mio nome". Il centravanti della Fiorentina Luca Toni ha già intrapreso le vie legali contro la Di Leo: "Gira da un po' questa storia. Ho diffidato la signora e lei mi ha assicurato che nel libro il mio nome non c’è". Intanto il processo a Marsala va avanti e presto potrebbero emergere nuove rivelazioni.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017