Excite

L'omino Michelin a dieta

Basta. E' ora di cambiare. L'omino Michelin non tira piu' come prima. E quindi? Facile, quella che per quasi 100 anni è stata l'icona del "grasso è bello" ha subito un bel restyling, una cura dimagrante a tutti gli effetti.

Via quei fastidiosi rotoli di grasso bianchi, via le cattive abitudini alimentari. Bisogna stare al passo con i tempi anoressici di oggi e per adeguarsi al mondo che cambia Michelin strizza l'occhio ai salutisti e ai forzati dell'immagine.

Bibendum (si chiama così l'omino, dal motto oraziano "Nunc est bibendum" che campeggiava sul primo manifesto in cui faceva da protagonista) è oggi piu' snello, atletico. Gli si sono sgonfiati i pneumatici e nella nuova campagna pubblicitaria che sta girando in Italia l'omino ha perso un bel po' di chili guadagnando un look da "palestrato".

Perchè i motivi di una tale svolta? La risposta arriva da Thierry Rudloff, responsabile del marketing della filiale inglese della Michelin: "L'abbiamo voluto aggiornare perché per noi è un bene prezioso. Se sarà stata una scelta vincente sarà la gente a dirlo".

"La sopravvivenza di un personaggio dipende da tante cose", dice Marco Testa, presidente della Armando Testa, agenzia titolare di storiche campagne pubblicitarie, "non solo dalla sua efficacia comunicativa. Quando un personaggio funziona è giusto investirci, giocare sui ricordi. Un personaggio che funziona è una grande opportunità, ma anche un rischio. L'omino Michelin, per esempio, speriamo che insieme al grasso non abbia perso anche la simpatia".

In attesa di conoscere il responso del pubblico, arriva la prima critica. E' di Oliviero Toscani, altro guru della comunicazione, che boccia così la scelta: "Far dimagrire l'omino Michelin è come mettere le mutande a Paperino. Queste non sono scelte fatte da creativi, ma da manager del marketing, che non hanno altro da fare che organizzare riunioni per decidere di rovinare ciò che è bello".

Vi presentiamo qui sotto alcune divertenti pubblicita' con protagonista il mitico Bibendum.



magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016