Excite

Love Parade, gli orgnizzatori "Mai più parate": è polemica

E' polemica a seguito della morte di Giulia Minoli, la 21enne di Brescia morta insieme ad altre 18 persone nel corso del Love Parade, il festival della musica techno che si tiene ogni anno a Duisburg, in Germania.

Guarda il video della tragedia di Duisburg

La tragedia si è consumata intorno alle 17 del 24 luglio quando una marea di persone ha tentato di entrare nell'area scelta per la festa tramite l'unico varco aperto, il tunnel della Karl-Lehr-Strasse, dopo che gli organizzatori avevano transennato tutta l'area circostante.

Guarda le immagini

In sostanza, dunque, era stato previsto un unico varco per la manifestazione dalla quale i partecipanti potevano entrare e uscire ma che non era adatto a contenere le migliaia di persone giunte a Duisburg per partecipare alla kermesse che alla fine è costata la vita a 19 persone.

Tra queste, appunto, la 21enne bresciana arrivata in Germania insieme all'amica Irina Di Vincenzo, già rientrata in Italia dopo essere stata medicata in ospedale proprio a Duisburg e che non risparmia parole infuocate contro gli organizzatori.

'Ho molto da raccontare, e soprattutto da denunciare', dice Irina che aggiunge: 'innanzitutto è stato l'atteggiamento della polizia a indignarmi. Erano quasi indifferenti. Molti stavano nelle loro postazioni, senza mai muoversi. In giro ad aiutare non ne ho visti molti. La stessa cosa si può dire per i soccorsi, che sicuramente erano troppo pochi per la gente che è stata male. Molti di noi sono stati salvati dai nostri compagni'.

La ragazza aggiunge anche che 'aver convogliato migliaia di persone in un vicolo cieco senza vie di fuga e claustrofobico è stato un gravissimo errore. Ma ancora più grave è non avervi posto rimedio, mentre si creavano le condizioni per la tragedia. Le persone si accumulavano eppure il flusso non è stato arrestato o diretto altrove'.

Insomma, la tragedia poteva essere evitata soprattutto se si pensa che la manifestazione è andata avanti nonostante i problemi organizzativi e nonostante ci si fosse accorti che la situazione fosse tutt'altro che sotto controllo.

La Procura di Duisburg ha aperto un'inchiesta per omicidio colposo ed è stato annunciato che quella di Duisburg è stata l'ultima parata; nel frattempo si sa che durante il Love Parade di Duisburg sono rimaste ferite ben 516 persone e 19, tra cui 6 stranieri, sono morte ma sui loro nomi vide il riserbo più assoluto in attesa che tutte le famiglie vengano avvisate.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017