Excite

Luca Alberti, ha confessato il figlio dell'anziano ucciso in casa a Saronno

  • Getty Images

Ha confessato Luca Alberti, figlio dell’anziano trovato morto all’interno dell’abitazione di via del Santuario a Saronno, presente sul luogo del delitto la sera scorsa all’arrivo delle forze dell’ordine.

I carabinieri stavano indagando sul caso ed erano già arrivati a stringere evidentemente il cerchio attorno all'uomo, principale indiziato per l’omicidio, compiuto nella via del centro storico del comune in provincia di Varese.

Varie ipotesi di ricostruzione si erano profilate subito dopo il sopralluogo, ma gli addetti ai lavori si erano orientati da subito ad esaminare con particolare rigore la posizione dell’unica persona che si trovava sul posto al momento della loro irruzione nell’appartamento dove si è verificato il tragico episodio.

Sul corpo della vittima, secondo quanto riferito nelle ore scorse dai cronisti locali, erano state rinvenute diverse ferite da arma da taglio, attentamente esaminate dagli inquirenti e successivamente ricondotte (per sua stessa ammissione) al 45enne disoccupato e con precedenti penali sottoposto al lungo interrogatorio in caserma. Andrea Alberti, ucciso a coltellate nella notte, abitava di fronte alla chiesa della Beata Vergine, non lontano dal teatro cittadino ed agli uffici del municipio di Saronno.

Restano da stabilire, al netto delle dichiarazioni rese in serata dal responsabile dell’efferato atto ai danni del familiare, il movente preciso dell’assassinio ed altri importanti dettagli sulle dinamiche del crimine, al fine di completare in tempi brevi le indagini e fare luce in maniera completa su ogni aspetto relativo alla morte violenta dell’86enne. Pare comunque che i rapporti tra padre e figlio fossero da tempo problematici e che i litigi dentro le mura domestiche avvenissero con una certa frequenza.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017