Excite

Luca Parmitano, missione nello spazio iniziata: per sei mesi in orbita sulla ISS

  • Twitter

Un italiano nello spazio. Anzi, un italiano molto sorridente nello spazio, al punto che su Twitter ‏@Sanduleak_2 scrive: "La felicità di @astro_luca nello spazio fa sembrare la #ISS il posto più bello del mondo". E per Luca Parmitano, militare e astronauta italiano di 37 anni, originario di Paternò, in Sicilia, in questo momento probabilmente lo è. Anche se arrivato nella Stazione Spaziale Internazionale (ISS), il primo pensiero dell'ex sperimentatore dell'Aeronautica è stato per la moglie Kathryn, la figlia Sara, di sei anni, e naturalmente la mamma: "Ciao mamma", ha infatti detto appena è stato in collegamento con la base sulla terra.

Con il comandante russo Fyodor Yurchikhin e l'americana Karen Nyberg, Parmitano è partito ieri sera alle 22.31 ora italiana a bordo della navicella Soyuz TMA-09M alla volta della ISS, dove resterà sei mesi (178 giorni), nell'ambito della missione Volare. I tre hanno impiegato meno di sei ore per raggiungere la Stazione Spaziale, dove hanno attraccato questa mattina alle 4.16, segnando un vero e proprio record di velocità, il secondo da quando si impiegano i nuovi vettori di trasporto.

E Parmitano diventerà protagonista di un altro primato il prossimo 9 luglio, quando sarà il primo italiano a compiere una passeggiata spaziale: "Ho fatto tanto per farlo entrare sulla Stazione spaziale e lui poi esce", ha scherzato il presidente dell'Asi, Enrico Saggese, durante la cerimonia per il lancio organizzata a Roma nella sede dell'Agenzia spaziale europea (Esa), di cui l'astronauta fa parte. Ma il rocket man di Paternò non si limiterà a quello: nei sei mesi di permanenza in orbita, infatti, per la missione sono previsti diversi esperimenti e per Paternò in particolare la gestione del braccio robotico di cui è dotata la ISS. L'astronauta italiano sarò infatti chiamato a sovrintendere all'aggancio alla base delle navicelle di rifornimento automatico Htv4 giapponese, Cygnus americana e ATV-Albert Einstein europea.

Per quanto riguarda invece la parte scientifico-sperimentale, l'Esa ha predisposto, in collaborazione con l'Agenzia spaziale italiana (Asi) e diversi centri di ricerca e industrie nazionali, una serie di test per studiare la combustione e i biocombustibili (Istituto motori del Cnr di Napoli), realizzare un sistema di rilevamento di qualità dell'aria (PMI AGT Engineering) e monitorare processi chimici utilizzabili entrambi sia nello spazio che sulla Terra. Da ultimo, infine, saranno effettuati esperimenti di biologia e medicina per approfondire la conoscenza dell'organismo umano e contribuire così a cure sempre migliori.

"La missione Volare è frutto di un accordo tra la Nasa e la nostra agenzia per aver fornito tre moduli abitati della stazione uno dei quali è stato agganciato stabilmente", ha spiegato Saggese, sottolinenando che "la scelta della Nasa di affidare a Parmitano la responsabilità di una passeggiata spaziale, la prima di un astronauta italiano, dimostra la fida dell'ente americano sia nella nostra agenzia per i rapporti di cooperazione, sia nelle capacità del nostro astronauta" e concludendo con orgoglio: "Oggi Parmitano rappresenta un eccellente esempio dell'Italia che funziona".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017