Excite

Lucia Annibali sfregiata con l'acido, condannato a 20 anni l'ex Luca Varani: "Sono contenta, è giusto così"

  • Youtube

E' stata breve la camera di consiglio del gup del tribunale di Pesaro Maurizio Di Palma: sono bastate poche ore per emettere la condanna a vent'anni di carcere nei confronti di Luca Varano, l'ex fidanzato di Lucia Annibali, la donna sfregiata con l'acido nell'aprile 2013 nella sua abitazione. Vent'anni al mandante e quattordici agli esecutori materiali di quel vile gesto, secondo l'accusa ordinato dall'allora compagno che non accettava la fine della loro relazione.

Lucia Annibali, intervista e foto dopo l'aggressione con l'acido: "Ricomincio da capo con la mia nuova faccia"

L'avvocato trentasettenne è stato condannato con l'accusa di essere il mandante dell’agguato con l’acido, affidato a Rubin Talaban, albanese, e al suo connazionale Altistin Precetaj: per il gup Varani è colpevole di lesioni gravissime, tentato omicidio e stalking.

Lucia Annibali si è presentata in aula per assistere all'udienza, dove ha guardato in faccia l'uomo che l'ha sfregiata, costringendola a sottoporsi a numerose e dolorose operazioni chirurgiche per ricostruire in parte il suo volto. Il prossimo intervento l'aspetta proprio tra qualche giorno.

Fuori dall'aula, dopo la lettura della sentenza, è stata accolta da un lungo e sentito applauso. Nella conferenza stampa che ha tenuto dopo l'udienza, Lucia Annibali ha commentato la decisione dei giudici: "Sono soddisfatta di questa sentenza, sono contenta perché penso che sia giusto così, soprattutto per la mia famiglia - ha detto la donna - Rimane comunque una vicenda molto triste. Il mio incubo in realtà è finito un anno fa, ora vado avanti per la mia strada. Non c’è niente che possa ripagarmi, ma l’importante è che io viva bene la mia nuova esistenza". Sul suo stato d'animo in questa drammatica vicenda ha aggiunto: "Dentro di me non ho coltivato la rabbia. L’ustione mi ha insegnato ad essere ottimista, alle persone ustionate voglio dire di non smettere mai di crederci, di andare avanti nonostante tutto". Lucia Annibali, che era stata anche insignita dell'onoreficenza di Cavaliere della Repubblica da parte del Presidente Napolitano, ha glissato su una sua eventuale candidatura alle elezioni europee col Pd, ha ringraziato le forze dell'Ordine e i magistrati per il lavoro svolto, ha confermato di essere diventata un personaggio pubblico suo malgrado: "Vorrei solo essere felice, ricostruire la mia vita" ha aggiunto.

Accolta la richiesta dell'accusa, che si è mostrata soddisfatta dell'esito del primo grado di un processo complesso e tortuoso come questo, in cui il giudice ha applicato il massimo della pena prevista per legge: "E’ stata data una pena mai vista nel nostro sistema - ha commentato Francesco Coli, avvocato della donna - Gli avvocati della difesa devono vergognarsi". Dopo la conclusione del processo penale si aprirà quello in sede civile per il risarcimento dei danni, quantificati intanto in 800mila euro di provvigionale per Lucia e 75mila euro per i familiari: "Tuttavia questi soldi Varani non ce li ha né tanto meno li hanno gli albanesi" ha dichiarato l'avvocato di parte civile.

Lucia Annibali in conferenza stampa dopo la sentenza: il video

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017