Excite

Luxuria, la sua vita in un'autobiografia

Si chiama "Chi ha paura della muccassassina?", (Bompiani, 16,5 euro) ed è l’attesa autobiografia che l’onorevole Vladimir Luxuria sta dando alle stampe.

Nelle 253 pagine si alternano racconti di vita vissuta, come il tormentato e irrisolto amore con l’inglese Sarah, le fughe al Nord per vivere la notte milanese, le serate al "Muccaassassina", la perdita tragica di un amico durante le vacanze in Croazia, ma anche riflessioni sull’apartheid e l’Aids.

Un capitolo è dedicato a Pinocchio di Collodi, definito una "metafora della transessualità: Mangiafuoco è quel sistema mediatico che tende a esibire mentre il Paese dei Balocchi è il paradiso artificiale, il divertimentificio per evadere dal malessere profondo". E la fata turchina? "E' l’endocrinologo".

Luxuria ama Pasolini e Paolo Conte, organizza "flutter party" (ovvero serate in cui si balla sotto il tiro di enormi ventole che riproducono l’effetto del vento forte sui vestiti), conosce Fausto Bertinotti e la moglie Lella.
Descrive i "bear" (omosessuali paffuti, piuttosto avanti con l’età), spiega che ogni anno si elegge il più gradito: "Dimostrazione lampante che non è bello ciò che è bello ma che è bello ciò che piace".
Personaggi come Gerry Scotti, Bud Spencer ("di cui spesso si ha tutta la collezione video in casa"), Diego Abatantuono e Carlo Verdone sono tra i preferiti dei "bear".

Nelle ultime pagine racconta di avere "molti progetti e ambizioni", qualcosa però ancora manca: "L'amore! L’amore quello vero, quello che dura tutta la vita, tipo ergastolo".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016