Excite

Madeleine McCann, spunta identikit del rapitore. Scotland Yard: "Chi lo riconosce si faccia avanti"

  • Getty Images

Scotland Yard ha compilato una lista di 41 sospettati, ma è su uno in particolare che si stanno concentrando le attenzioni degli investigatori per dare (forse) una risposta alla scomparsa di Madeleine McCann, la bambina di 4 anni che nel 2007 è sparita nel nulla a Praia da Luz, in Portogallo, mentre si trovava in vacanza con i genitori. La polizia inglese ha infatto diramato l'identikit di un maschio bianco, di età compresa tra i 20 e i 40 anni, di altezza e corporatura media, capelli corti scuri e sbarbato, che due testimoni hanno visto vicino all'albergo dove soggiornava la piccola con la famiglia quando si sono perse le sue tracce.

Madeleine McCann news: riaperto il caso 6 anni dopo la scomparsa. Scotland Yard: "E' viva"

"Che quest'uomo sia o meno la chiave per sbloccare l'indagine, rintracciarlo e parlargli è per noi di vitale importanza", ha dichiarato l'ispettore capo della Metropolitan Police, Andy Redwood, in un appello trasmesso da Crimewatch (l'equivalente d'oltremanica di Chi l'ha visto?) sulla BBC, invitando chiunque dovesse riconoscerlo a farsi avanti. E la nuova accelerazione impressa alle indagini non è casuale: grazie all'intervento del premier David Cameron, che ha chiesto in prima persona a Scotland Yard di riaprire il caso di Maddie, oggi gli investigatori hanno in mano nuovi elementi e stasera proprio Crimewatch trasmetterà uno speciale di 25 minuti dedicato alla scomparsa della piccola.

Wikileaks, rivelazioni sulla piccola Madeleine McCann

"Grazie alle prove e alle nuove testimonianze raccolte, siamo ora in grado di stabilire gli esatti movimenti delle persone all'interno e nelle vicinanze del resort al momento della sparizione della bambina", ha spiegato Redwood, aggiungendo: "Continuiamo a credere che Madeleine possa essere ancora viva". Ma dove? E soprattutto: con chi? La polizia inglese non si sbilancia, ma le dichiarazioni dell'ispettore capo lasciano intendere che anche se Maddie non fosse con l'uomo dell'identikit - un altro tratto distintivo del quale è il fatto di parlare tedesco - quest'ultimo potrebbe fornire informazioni utile per trovarla.

Ma non solo. Le indagini svolte da Scotland Yard, avendo "significativamente cambiato la cronologia degli eventi e la versione degli stessi come era stata finora accettata", sconfessano anche la tesi alla quale era giunta la polizia portoghese nel 2008, secondo la quale la bambina sarebbe morta per una tragica fatalità e i suoi genitori, Kate e Gerry, ne avrebbero nascosto il corpo.

Punto e a capo, dunque, con nuovi elementi a fare supporre agli investigatori che la piccola sia viva e - soprattutto - con un prezioso identikit che, composto da due fotogrammi elaborati al computer grazie alla descrizione fornita dai due testimoni, rappresenta il vero e proprio asso nella manica di Scotland Yard, come confermano anche le parole di Redwood: "Le immagini digitali sono chiare e chiediamo al pubblico di guardarle con grande attenzione: se riconoscete questa persona, per favore fatevi avanti". C'è solo da sperare che non si riveli un boomerang.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017