Excite

Mafia SPA: business da 90 miliardi di euro l'anno

E' la mafia la prima azienda italiana con un fatturato di 90 miliardi di euro secondo il decimo rapporto sulla criminialità presentato dalla Confesercenti: "Sos Impresa". Dunque, gli affari della Cupola valgono quanto cinque manovre finanziarie, otto Tesoretti e costituiscono il 75% del Pil nazionale.

Il viceministro all’Interno Marco Minniti, alla presentazione del rapporto ha dichiarato: "Domani in Cdm, presenteremo il pacchetto sulla sicurezza. Occorre colpire i patrimoni. Ci poniamo come primo obiettivo rivisitare tutta la partita delle misure di prevenzione. E poi ci sarà la cancellazione del patteggiamento in appello dei reati di mafia, un punto questo dal quale non si può prescindere". Nel pacchetto sicurezza viene incluso anche il capitolo "contraffazione" che ha un fatturato di 7 miliardi di euro all'anno.

L'usura e il racket costituiscono i maggiori introiti delle organizzazioni criminili a stampo mafioso, con 30 miliardi di euro, che colpiscono 150mila commercianti. In Sicilia l'80% dei negozi di Catania e Palermo pagono il "pizzo" alla mafia. 7 imprese su 10 lo fanno a Reggio Calabria. A Napoli sono 5, ma in alcune aree periferiche e dell'hinterland lo pagano tutti. Per un negozio elegante in centro, a Palermo si paga tra i 750 e i mille euro al mese, a Napoli tra i 500 e i mille; per un supermercato invece si paga nel capoluogo siciliano 5mila euro e un po' meno a Napoli: 3mila.

Grossi guadagni, la Piovra, li incassa grazie all'abusivismo commerciale con 13 miliardi di euro, segue l'agromafia (si va da furti di mezzi agricoli e di animali al controllo di intere produzioni) con 7,5 miliardi, la contraffazione e la pirateria con 7,4 miliardi, furti e rapine con 7 miliardi, appalti e forniture con 6,5 miliardi,truffe con 4,6 miliardi, giochi e scommesse con 2,5 e contrabbando con 2 miliardi.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016