Excite

Mali, terroristi attaccano hotel Radisson di Bamako: liberati ostaggi dopo blitz, 18 morti

  • Twitter @nigrizia

Si temeva una nuova carneficina, a distanza di una settimana dagli attacchi terroristici in Francia, nella Capitale del Mali Bamako assediata dai miliziani jihadisti: l’assalto all’hotel Radisson, iniziato alle prime ore del mattino, è terminato nel pomeriggio con un bilancio di 18 morti e circa 150 ostaggi (di diverse nazionalità, in prevalenza occidentali oltre ad una trentina di lavoratori dell'albergo) liberati grazie al blitz delle forze speciali.

Mali, il video della turista cinese dall'hotel Radisson di Bamako

Gli agenti hanno per quasi dieci ore circondato l’edificio, prima di fare ingresso nel locale per mettere in sicurezza le 170 persone sequestrate dal commando poco dopo le 7 al settimo piano dello stabile dove alloggiavano anche diversi dipendenti della compagnia aerea Air France e militari.

Drammatici gli aggiornamenti riportati in successione dalle agenzie di stampa, con un’alternanza di notizie sulla liberazione di alcuni ostaggi e sulla morte di altri, mentre sembra che le persone "graziate" siano state costrette a recitare versi del Corano per ottenere il rilascio.

Nessuna conferma, nonostante le voci circolate in mattinata, sull’eventuale presenza di italiani all’interno dell’hotel di lusso preso d’assalto da dieci jihadisti: attivata l’unità di crisi alla Farnesina, il ministero degli Esteri ha monitorato costantemente l’evoluzione dei fatti da Roma.

(Mali sotto attacco degli estremisti islamici: ostaggi in mano a commando armato)

Il continuo viavai di ambulanze e mezzi militari è stato seguito in tempo reale dai media del Mali nei pressi del Radisson, frequentato da turisti provenienti da ogni parte del mondo (Pechino ha lanciato l’allarme per la sorte dei cittadini cinesi coinvolti nell’attacco) ed in particolare da europei.

Inevitabile il collegamento, non a caso riportato subito da tv e siti web francesi, tra gli attentati del 13 novembre scorso a Parigi e l’azione terrorista di oggi a Bamako, ma per avere un quadro preciso dei fatti si attendono riscontri ufficiali dalle autorità locali ed informative dei servizi segreti transalpini.

Il rischio di un ennesimo bagno di sangue ad opera di cellule della jihad legate direttamente o indirettamente all’Isis era anche stavolta altissimo e non è soltanto la Francia a tremare per quella che agli occhi del mondo intero appare qualcosa di simile ad una guerra senza confini.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017