Excite

Maltempo Europa Centrale: morti e dispersi. Allarme fiumi

  • Getty Images

E' allarme rosso maltempo in Europa Centrale. Le piogge che cadono incessantemente da giorni - in Germania da quattro settimane - hanno fatto gonfiare fiumi e torrenti a dismisura e nonostante l'efficienza dei sistemi e delle barriere protettive, diverse città rischiano di essere allagate, con conseguenze disastrose per la popolazione, i servizi, la storia e l'arte.

Le foto dei fiumi e degli allagamenti in Europa Centrale

Una delle situazioni peggiori si registra a Praga. Nella capitale della Repubblica Ceca, due persone sono morte e tre risultano disperse, mentre una terza vittima si registra a Trebenice, centro a 30 km dalla città: si tratta di una donna che è stata travolta dal crollo del suo chalet a causa delle inondazioni causate dalle piogge torrenziali. E cittadinanza e autorità ora temono di dover rivivere la catastrofica alluvione del 2002: paura tutt'altro che infondata, dal momento che il livello dei fiumi in molti punti ha già superato quella dell'onda di piena di 11 anni fa. Il sindaco ad interim Tomas Hudecek ha chiuso parte della rete metropolitana e ha invitato i cittadini che vivono fuori dalla capitale a non recarvisi e intanto ha dato il via all'evecuazione dei malati dell'ospedale Na Frantisku e degli animali dello zoo, gravamente colpito nel 2002. Lo stato di allarme è stato decretato in 6 delle 14 regioni della Repubblica Ceca.

Previsioni meteo settimana 27 maggio 2013: neve, pioggia e freddo sull'Italia

Non va meglio in Germania, dove i servizi meteorologici governativi dichiarano laconicamente: "Preparatevi al peggio". L'allarme è soprattutto a Est e a Sud: per Jena, Chemnitz, Passau, Rosenheim e l'antica e splendida città universitaria di Heidelberg è stato dichiarato lo stato di calamità, con quest'ultima in particolare che rischia l'evacuazione del centro storico. Una situazione gravissima, con la cancelliera Angela Merkel che ha promesso di inviare tempestivamente aiuti e militari, che nel Badeen-Wuerttemberg (a Sud Ovest) fa registrare un disperso, per il quale purtroppo non si nutrono più molte speranze.

Anche in Austria le forti piogge hanno costretto all'evecuazione di centinaia di persone, con un vittima a St.Johann, vicino a Salisburgo, e due dispersi, così com l'allerta è elevatissima a Berna (in Svizzera) e a Budapest (in Ungheria). A fare paura sono i grandi fiumi che attrversano l'Europa Centrale: il Danubio, in primis, ma anche il Reno, Meno, il Neckar e la Moldava.

Conseguenze disastrose di un'estate che mai come quest'anno sta tardando ad arrivare e che lascerà pure il Nord e il Centro Italia nelle grinfie del maltempo ancora almeno fino a giovedì, con piogge, temporali e grandine. Il caldo arriverà con il weekend dell'8 e 9 giugno, ma nelle regioni settentrionali l'ombrello non è destinato a essere messo via, mentre al Sud - paradossalmente - arriverà la siccità, con temperature di 30-35°C in Puglia, Calabria e Sicilia.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017