Excite

Maltempo: frane in Toscana, acqua alta a Venezia, allerta in Liguria


Update ore 17.30
La situazione sta tornando alla normalità a Vicenza, dove il fiume Bacchiglione ha iniziato a sgonfiarsi. In azione le pompe idrovore. L'allerta rimane comunque elevata, con i corsi d'acqua sotto osservazione nel padovano e in tutto l'alto vicentino, in particolare nella zona di Malo, Marano e Costabissara, dove si sono registrati numerosi allagamenti.


Update ore 16.15
Sta transitando in questo momento la piena del fiume Bacchiglione a Vicenza, dove è stata evacuata la 'zona rossa' e i vigili del fuoco sono intervenuti per mettere in salvo una coppia di anziani e alcune persone in un hotel. Saltate le utenze elettrice. Situazione critica anche a Civitavecchia, dove i quartieri delle zone basse sono allagati, e a Marina di Ravenna, con tutti i canali dell'area che hanno fatto registrare un preoccupante innalzamento delle acque.


Update ore 14
A Vicenza suonano le sirene per avvisare la popolazione della piena del fiume Bacchiglione, prevista per le ore 15. Il sindaco, parlando di una "situazione gravissima", ha invitato i cittadini a lasciare le abitazioni e i negozi ai piani bassi delle case della 'zona rossa', duramente colpita durante l'alluvione del 2010. Chiuso intanto ai pedoni e al traffico il ponte degli Angeli, dove l'acqua ha raggiunto i 5.70 metri. Piena emergenza invece nell'alta Toscana, dove al momento sono più di 200 le persone evacuate.

Una vera e propria notte da incubo, quella della Toscana, soprattutto nelle province di Massa e Carrara, dove un nubifragio abbattutosi sulla zona a partire dalla mezzanotte ha provocato smottamenti, frane e allagamenti, travolgendo numerose auto e costringendo gli uomini dei vigili del fuoco a continui interventi.

Acqua alta record a Venezia: il video

Da ieri a questa mattina sono caduti 250 millimetri di pioggia e il sindaco fina dalle prime ore dell'emergenza ha attivato l'allarme telefonico per avvisare i cittadini di non uscire di casa e invitare chi abita ai piani bassi a cercare ospitalità presso amici e parenti con appartamenti a quelli alti. Ma nonostante la preparazione e un'organizzazione efficiente, non sono mancati i disagi: "Non abbiamo danni gravi alle persone, ma una situazione difficile sul territorio per frane e allagamenti" ha spiegato il primo cittadino di Carrara, Angelo Zubbani, che alle 6 di stamattina ha attivato un nuovo allarme telefonico per le "persone che abitano in una zona periferica della città in un tratto vicino al torrente Carrione". Allagamenti e traffico in tilt si registrano anche nelle campagne e lungo la costa, con sottopassi allagati e alcuni ponti crollati.

La 'avventura' più brutta, però, l'ha vissuta una coppia di coniugi di Romagnano: i due erano in macchina quando la loro auto è stata travolta da un torrente che ha rotto gli argini. Marito e moglie sono riusciti a uscire prima che la vettura venisse trascinata via, ma sono rimasti divisi. I vigili del fuoco hanno quindi recuperato lui e poi lei, spaventati per la sorte del coniuge e feriti, e li hanno rassicurati e portati all'ospedale.

Un risveglio sott'acqua, invece, quello di Venezia, dove questa mattina alle 9.20 il mare ha raggiunto i 150 cm sullo zero mareografico di Punta della Salute e secondo le previsioni la situazione rimarrà tale fino a che lo scirocco, che impedisce all'acqua alta di defluire, continuerà a soffiare, ovvero le 17 di oggi pomeriggio.

In Liguria, infine, confermata la massima allerta (la 2) fino alle 15 di oggi nello Spezzino e nel Tigullio, mentre sul resto della Regione vale la 1 fino alle 12. A Genova ci sono stati ieri grandi disagi all'aeroporto, con voli cancellati e altri dirottati, ma la città - blindata dal sindaco Doria - fortunatamente non ha registrato danni. Critica invece la situazione del Levante, con persone sfollate a La Spezia, Borghetto Vara, Ameglia, Sesta Godano e Beverino. La Protezione Civile raccomanda attenzione anche al termine dell'allerta nelle zone a rischio frana.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017