Excite

Maltempo: un morto e danni gravi in tutta Italia

  • YouReporter

I metereologi avevano detto che Beatrice avrebbe portato forti temporali e la Protezione Civile aveva fatto scattare l'allerta nelle zone ritenute a rischio, ma nonostante le precauzioni un uomo è morto e due turiste sono rimaste ferite a causa dei nubifragi e delle tempeste di vento - a volte vere e proprie trombe d'aria - provocati dalla perturbazione.

Video: tromba d'aria a Fiumicino

La vittima - un giovane di 30 anni, di nazionalità romena - era a bordo della sua Renault Laguna insieme alla moglie e al figlio di 7 anni quando, mentre oggi pomeriggio percorreva una strada del quartiere Arcella, a Padova, un albero è stato abbattuto dal vento e si è schiantato sulla vettura, uccidendolo sul colpo e ferendo i familiari che erano con lui.

A Verbania, in Piemonte, di nuovo una pianta sradicata da una tromba d'aria ha ferito, sabato sera, due ragazze che campeggiavano nella loro tenda: un ramo è caduto sulla struttura, provocando la frattura di un braccio a una e di due vertebre spinali all'altra, fortunatamente senza interessare il midollo spinale. Le amiche sono state ricoverate a Verbania e a Novara.

Il nubifragio, con forti raffiche di vento e grandine, che si è abbattuto sull'alto Piemonte ha causato anche gravi danni a case e strade e, in particolare, ai giardini di Villa Taranto, un piccolo gioiello botanico dove sono conservate specie di piante rare e alberi secolari: "E' un disastro" ha detto una dipendente dell'Ente Giardini Botanici, aggiungendo che "forse ci vorranno anni prima che Villa Taranto possa essere riaperta al pubblico".

E un'altra tromba d'aria ha investito questa mattina Fiumicino, sollevando e capovolgendo barche e gommoni e scoperchiando tetti, con conseguenze economiche ingenti: "Mi trovavo sul balcone di casa, ho prima sentito i tuoni e un rumore fortissimo e ho visto una nuvola scura avvicinarsi. Poi all'improvviso è finito tutto, a terra, su un prato sono rimasti alcuni pezzi delle barche del cantiere vicino", dichiarato a Repubblica una residente dell'Idroscalo.

Brutta avventura, ma fortunatamente a lieto fine, anche per 24 canoisti, sorpresi dal maestrale nel mare al largo della costa occidentale della Sardegna: soccorsi dalla Guardia Costiera di Bosa, sono stati tutti tratti in salvo e ricondotti a terra.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017