Excite

Marea nera, un operaio parla alla Bbc: 'La Bp sapeva delle falle'

Incredibile rivelazione alla Bbc da parte di un operaio della piattaforma petrolifera della British Petroleum esplosa nel Golfo del Messico. Secondo quanto affermato dall'uomo, la Bp era a conoscenza del fatto che ci fossero delle falle nel sistema di sicurezza della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon. Sembra quindi che si sarebbe potuto evitare il disastro ambientale provocato dalla marea nera.

Il nome dell'operaio è Tyrone Benton, l'uomo è riuscito a sopravvivere al disastroso incidente. Secondo quanto raccontato da Benton la falla non fu riparata, così come il sistema di sicurezza che fu semplicemente chiuso, decidendo di affidarsi a un secondo sistema. L'operaio ha spiegato che responsabile della manutenzione di quell'attrezzatura era la compagnia proprietaria della piattaforma, la Transocean, la quale prima dell'incidente aveva affermato di aver testato con successo quel sistema.

Benton ha affermato: 'Abbiamo notato una perdita sull'unità di controllo e abbiamo informato gli uomini della compagnia. Questi ultimi si trovavano in una sala di controllo, da dove potevano accendere o spegnere quell'unità di controllo e accenderne un'altra, così da non dover interrompere la produzione'. Secondo quanto sostenuto dall'operaio, riparare l'unità di controllo, anziché attivarne un'altra, avrebbe significato un'interruzione temporanea dell'attività di trivellazione sulla piattaforma Deepwater Horizon, che sarebbe costata alla Bp 500mila dollari, circa 400mila euro, al giorno. Di certo molto meno di quanto stanno costando ora alla compagnia i tentativi, ancora purtoppo vani, di bloccare la marea nera che sta danneggiando le coste degli Usa.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017