Excite

Margherita Hack, patente negata. Scoppia il caso 90enni alla guida

  • Infophoto

Margherita Hack, astrofica e divulgatrice scientifica di fama mondiale, compirà il prossimo 12 giugno 91 anni. Sebbene sia ancora nel pieno delle sue capacità fische e intellettive, la scienziata non è stata considerata idonea alla guida della sua Fiat Panda. Il medico della motorizzazione si è infatti rifiutato di visitare la Hack che si era presentata per il rinnovo della patente a causa dell'età avanzata. Lo ha reso noto ieri il giornale il Piccolo di Trieste.

Come era prevedibile la reazione della Professoressa è stata tutt'altro che conciliante, al contrario la risposta è furiosa: "Non sono vecchia. Posseggo una Fiat Panda e vado dappertutto. È dal '52 che guido la macchina e non ho mai provocato o fatto incidenti gravi. Il comportamento del medico è incostituzionale".

Il dottor Giuseppe Caragliu non è d'accordo e contattato telefonicamente dal quotidiano ha replicato: "Firmo certificati dal 1977. Personalmente penso che novant'anni siano troppi per la patente. Se la professoressa Hack vuole essere visitata forse è meglio che si rivolga alla commissione che può rinnovare la patente anche per sei mesi; io invece sono costretto a firmare per due anni".

La polemica, manco a dirlo, ha fatto alzare un polvere su Twitter: il dibattito è imperante e scoppia il caso dei 90enni al volante. Il social network è spaccato tra coloro che non sotengono la tesi di Margherita, troppo vecchia per guidare, e altri invece che vogliono lanciare una petizione contro il medico. Anche il presidente dell'Aci di Trieste, Giorgio Cappel, ha speso qualche parola in difesa di Margherita Hack: "È come se un medico si fosse rifiutato di curare i malati con l'influenza per una propria scelta, puntando a quelli affetti da un’altra patologia. La professoressa Hack ha ragione. Deve essere visitata, ne ha il diritto sacrosanto".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017