Excite

Maria, trovata la mamma della bambina che viveva con i rom: "Regalata perché non potevo mantenerla"

  • hamogelo.gr-tgcom24.mediaset.it

Sasha Ruseva: sarebbe questo il nome della mamma di Maria, la bambina bionda e con gli occhi azzurri ritrovata la scorsa settimana in un campo nomadi di Farsala, nel cuore della Grecia. La donna, 35 anni, è di nazionalità bulgara. A riportare la notizia è l'edizione online del quotidiano ellenico Kathimerini, che cita l'agenzia di Sofia Bgnes, ma il condizionale è d'obbligo, perché sono ancora molti i punti oscuri della vicenda.

Maria, bambina trovata in campo nomadi: chi è? "Dieci casi somiglianti", migliaia le segnalazioni

"Abbiamo lasciato la piccola Maria in Grecia perché non avevamo da mangiare, non avevamo lavoro e non potevamo curarci anche di lei", ha dichiarato Sasha, riferendosi con il "noi" anche al marito Atanas, e spiegando: "L'abbiamo regalata, l'abbiamo lasciata senza prendere un soldo". E su questo punto, sul fatto di avere dato la bimba in affidamento ai rom non ricavandone nulla, se non aiuto, la donna ha insistito molto.

Grecia, bambina bionda trovata in campo nomadi: appello internazionale per identificarla

"Avevo intenzione di tornare e di portare via con me la bambina, ma nel frattempo ho avuto altri due figli e quindi non ho potuto farlo", ha proseguito quindi la mamma biologica di Maria, che oltre alla piccola data in affido alla coppia di nomadi dell'accampamento di Farsala ha altri 10 bambini, cinque dei quali, albini, assomiglierebbero molto a Maria, almeno secondo il cronista di Bgnes che ha intervistato la donna

Secondo le informazioni circolate, Sasha è stata rintracciata dalla polizia bulgara nella località di Gurkovo e posta in stato di fermo. Dalle prime ricostruzioni, la madre biologica avrebbe dato alla luce Maria nel gennaio 2009 in un ospedale di Lamia, nella Grecia centrale, e quindi avrebbe deciso di "regalarla" alla coppia rom con la quale è stata ritrovata la scorsa settimana perché nell'impossibilità di allevarla.

Su questa versione dei fatti - che coincide con una delle diverse fornite alle autorità greche dai sedicenti genitori nomadi della piccola - sta ora indagando la polizia bulgara del distretto di Nikolaevo, che nella giornata di oggi ha interrogato Sasha e il marito Atanas.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017