Excite

Mariti, attenzione a non offendere la suocera

D'ora in avanti tutti i mariti dovranno stare molto attenti a quel che dicono sulle suocere. La Cassazione ha, infatti, confermato la condanna al risarcimento dei danni a carico di un marito che durante un litigio violento con la moglie ne aveva offeso la madre rivolgendo, nei confronti della suocera non presente alla discussione, epiteti ingiuriosi. Il marito dovrà anche risarcire la moglie per la violenta testata alla bocca che le ha dato durante il litigio.

L'uomo in questione, Luigi D.B., aveva richiesto di non considerare valida la querela presentata dalla moglie, Federica C., poiché per le parolacce proferite avrebbe dovuto presentare denuncia la suocera offesa, non la figlia. Ma con la sentenza 35874 la Suprema Corte ha respinto la richiesta del marito, imputato di ingiuria e lesioni.

I Supremi giudici hanno osservato che "per quanto gli epiteti e le volgari espressioni di disprezzo pronunciate dall' imputato nel rivolgersi alla moglie si riferissero ad altro soggetto, e cioè alla madre di costei, non vi è dubbio che ne sia derivata una lesione del decoro della stessa interlocutrice. Fatto che inevitabilmente accade quando sussiste uno stretto legame parentale fra la persona alla quale le espressioni offensive sono comunicate e quella destinataria delle offese, traducendosi tale condotta in una mancanza, nei confronti del percettore di tali espressioni, del rispetto che, quale componente della dignità umana, è dovuto a ciascuno dei consociati".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016