Excite

Mary, studentessa vende foto hard su Facebook per comprare lo scooter

  • Facebook

“La crisi si sente”, “Soldi non ce ne stanno” si legge nel cartello che Mary tiene in mano, strategicamente posizionato per coprire il volto ma scoprire il decollète. Poi continua con un messaggio chiaro ma inequivocabile che qui sintetizziamo: attendo il 110 e un’indipendenza economica, nel frattempo vendo le mie foto per comprarmi lo scooter. Insomma nessuna storia di povertà alle spalle, totale assenza di qualsivoglia nobile causa (sarebbe bastato anche un “devo pagarmi gli studi”) ma solo un modo veloce e rapido per fare business e raccogliere quel che serve per sfrecciare su un nuovo motorino.

Baby squillo ai Parioli, spuntano le intercettazioni shock.

Mary le cose le ha fatte per bene e la foto che vedete è solo una delle tante che trovano spazio nella sua pagina Facebook “Mary in attesa di 110”. Un giro d’affari che pare stia ingranando proprio bene se consideriamo che la giovane donna in carriera dichiara di aver ricevuto già tantissimi messaggi. La fotografa (chiamiamola così) ha inoltre tappezzato le bacheche dell’Università di Napoli dove l’annuncio di Mary emerge dalle richieste di affitti e dalla vendita di libri usati.

Meno di 40 Mi Piace sulla fan page ma centinaia di messaggi rendono tutta la storia decisamente più torbida e dipingono il cliente medio della giovane studentessa come un arrapato anonimo che agisce nell’ombra. La pagina invece cerca addirittura di abbassare i toni e si getta intorno un’aura di tenera innocenza che poco si abbina alle finalità ultime (“Mi diverto a scattare foto” si legge tra due unghie smaltate; “I Like Photo Shot recita un cartello accanto a una fotocamera rosa e sopra una pila di libri.

Alla fine della fiera quel che ne viene fuori è quasi un sentimento comune di approvazione. C’è chi la vorrebbe assumere come segretaria e chi premia l’inventiva e la creatività che manca ai giovani. Beh, in tempi di baby squillo e di studenti che “fanno business” nei bagni dei licei per delle ricariche, proporre foto del proprio corpo per un motorino non mi sembra proprio un’iniziativa da applaudire. E il fatto di essere delle accademiche che puntano al 110 non cambia nulla.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017