Excite

McDonald's chiude in Galleria a Milano: l'ultimo pasto è gratis

  • Youtube

Quando chiude un locale in centro città dopo un'attività decennale, le polemiche sono quasi inevitabili. E' quello che sta succedendo a Milano, dove il prossimo 16 ottobre chiuderà definitivamente il McDonald’s che da vent'anni è presente nella prestigiosa galleria Vittorio Emanuele. Al suo posto, in virtù di un bando indetto dall'amministrazione comunale, arriverà una boutique d'alta moda del marchio Prada.

L'addio dei clienti a McDonald's: guarda il video

Il ristorante della catena americana più famosa al mondo chiuderà i battenti non senza aver salutato e ringraziato i cittadini milanesi che, insieme ai tanti turisti, a migliaia ogni giorno hanno riempito i tavoli del locale per vent'anni. E di colpo sembra quasi ribaltarsi quella serie di luoghi comuni sui fast food (spesso più che veritieri) che generano critiche un po' da ogni parte: dalla qualità del cibo all'influenza sulle abitudini alimentari, non c'è un aspetto che non presti il fianco a qualche considerazione polemica.

Eppure, a sentire le parole di Roberto Masi, amministratore delegato di McDonald's, il fatto che un punto di ristoro così frequentato lasci una storica location come quella della galleria milanese sembra quasi un tema da battaglia sociale. Il perchè è presto detto: "McDonald’s consente ogni giorno a 700.000 persone di mangiare spendendo una cifra contenuta nelle più belle piazze d’Italia - ha dichiarato Roberto Masi - Purtroppo il Comune di Milano ha deciso di non renderlo più possibile in Galleria". Insomma, anche McDonald può diventare icona di aggregazione e partecipazione, da contrapporre all'elitaria realtà delle griffes: "Un luogo in più per il lusso, uno in meno per la socialità alla portata di tutti".

L'azienda ha intrapreso una vertenza legale contro il bando del Comune, ma intanto dovrà lasciare la prestigiosa location e lo farà con un'iniziativa inedita: tutti coloro che si presenteranno al McDonald's nel giorno della chiusura, dalle 13 alle 15, potranno ordinare hamburger, patatine e bibita e godersi il pasto completamente gratis. "Abbiamo ricevuto moltissime attestazioni di solidarietà dai nostri clienti e da personalità politiche - ha annunciato l'ad Masi - per questo ci teniamo a restituire un po’ dell’affetto che abbiamo ricevuto adesso e nei passati 20 anni offrendo un pranzo il 16 ottobre giorno della definitiva chiusura".

L'iniziativa avrà anche un profilo social: è già attiva la pagina Facebook dedicata alla chiusura del fast food, su cui i clienti possono lasciare un ricordo e spiegare perchè mancherà loro un punto di ritrovo nel cuore di Milano. Anche nella giornata dell'addio, i messaggi dalla rete scorreranno su un grande monitor nella vetrina centrale del ristorante, per salutare un pezzo di città che se ne va.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017