Excite

Melissa P: sono diventata povera

Guadagnare un milione di euro e poi trovarsi senza uno spicciolo. Oggi Melissa Panarello, in arte P., 25 anni e simbolo del desiderio erotico di una generazione di adolescenti, ammette di fronte a Luca Telese, in una intervista a Il Fatto, di essere finita sull'orlo della bancarotta.

Nel 2003 sconvolse le classifiche arrivando a 3 milioni di copie con i suoi famosi Cento colpi di spazzola prima di andare a dormire. Poi un secondo libro (L'odore del tuo respiro), un pamphlet contro Ruini (In nome del'amore), il fidanzamento con il figlio del suo editore, Elido Fazi. E oggi, dopo aver pubblicato un nuovo libro per la Einaudi - Tre - ammette di aver comprato, ai tempi del primo anticipo, una macchina fotografica e un gigolò. Ma questo è solo l'inizio.

Guarda la gallery di Melissa P.

Ad amministrare i suoi diritti, in un certo senso, la madre. 'Le davo un mensile. Ma ha speso tutto in creme e vestiti'. E poi la vendita dei diritti cinemtogafici a Francesca Neri anche se Fazi 'non mi ha mai fatto vedere nemmeno il contratto, nè dato soldi per il film. Aveva il cuore a sinistra e il portafogli a destra. Ora, per assenza di cuore, è tutto a destra'.

Ben 160mila euro i primi guadagni. Anche se l'editore sceglie di pagare a rate. 'All'inizio 50 mila euro al mese. Poi 12mila. Poi 8. A fine anno non mi aveva dato ancora tutta la cifra. Però io dovevo pagare le tasse su tutto. Era come dimezzarli'.

Nel frattempo Melissa compra casa - 600mila euro con i primi acconti per l'anticipo - e accende un mutuo da 8mila euro al mese. Si addossa un secondo mutuo, da 20mila euro, per aiutare la madre ad aprire un negozio. Un fallimento.

la vicenda tra Melissa e l'editore finisce anche in mano agli avvocati. 'Mi doveva due milioni di euro, ma disse che non li aveva. Alla fine ci accordiamo per 70mila. 61 netti'. Soldi spariti per i debiti del mutuo.

Ma il protagonista maschile della vicenda non ci sta. Fazi infatti, una volta interpellato, fa sapere: 'È una storiaccia, dovrei denunciarla, è una bugiarda. La verità? Un giorno Caltabellota, un editor che si eccita per tutto purchè ci sia di mezzo il sesso, mi porta un romanzetto pornografico, in terza persona. Simone dice: 'C'è del talento'. Il personaggio c’era. Non so se erano cose scopiazzate su internet o vissute davvero. Allora convochiamo Melissa e il padre. Lavoriamo sul manoscritto per un anno: nasce un libro nuovo. Che Melissa non sappia scrivere è un fatto certo. Do-cu-men-ta-bi-le… Il suo ultimo libro fa schifo. E poi è viziata. Vespa la voleva ogni sera. Lei andò una volta, e disse: 'È un cazzone, non ci torno'. Su quali motivi si basò la loro rottura? 'Il terzo libro era andato male: 30mila copie. Malgrado tutto le proposi un nuovo contratto: acconto 50mila euro! Ma lei rifiutò. Ne voleva 100mila! Ha girato ovunque e alla fine eccola all'Einaudi, per molto meno'.

(foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017