Excite

Meno soldi ai fumatori

E' guerra aperta ai fumatori.
Le aziende ne hanno abbastanza di dipendenti che in media perdono un'ora al giorno di lavoro per fumarsi le loro sigarette.
Il Gruppo intersettoriale direttori del personale ha pubblicato i risultati di un'indagine realizzata su un campione di 149 medio-grandi imprese che dimostra come dall'introduzione della legge Sirchia quasi il 50% dei lavoratori è dedita al tabagismo quotidiano.

Ogni lavoratore fumatore toglie in media dai 60 agli 80 minuti al giorno di produttività all'azienda per fumarsi la sigaretta. Secondo i calcoli, infatti il dipendente impiega 4 minuti per andare e venire dalla saletta fumatori, 6 minuti per fumare ripetendo le due operazioni per 6/8 volte al giorno.
Da questa base viene fuori un'idea lanciata dai dirigenti che certamente farà discutere: togliamo delle ore pagate ai dipendenti che fumano.

"Quello che chiediamo è un passo dovuto nel bene dell'intera azienda", ha detto Paolo Citterio, presidente del Gidp, "e comunque non sarà una scelta imposta ma sarà discussa con i sindacati per valutare l'attuazione della proposta nel pieno rispetto dei diritti dei lavoratori fumatori che non possono prevaricare quelli dei dipendenti non tabagisti".
Secondo Citterio questa scelta potrebbe essere "un incentivo per non fumare durante le otto ore".
Dalla stessa indagine è venuto fuori che nel 37% dei casi sono i colleghi che non fumano a denunciare i fumatori e a chiedere il pugno di ferro con chi non rispetta le regole.

Voi cosa ne pensate di questa proposta?

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016