Excite

Mestre sconvolta da un omicidio-suicidio

E' accaduto domenica mattina. Fabio Riccato, 30 anni, ha ucciso la sua fidanzata Eleonora Noventa, 16 anni, ad Asseggiano, vicino Mestre. Riccato ha posto termine alla vita di Eleonara con tre colpi di pistola, sparati con una Smith & Wenson 357 Magnum. Con la stessa pistola, poi, Fabio si è ucciso.

A quanto pare, all'origine del folle gesto la fine della loro relazione. I due si erano conosciuti circa un anno fa portando fuori il cane e avevano iniziato una storia. A quanto pare lui era molto innamorato, ma lei, ad appena 16 anni, sentiva quella relazione troppo impegnativa e voleva lasciare Fabio da tempo. Sembra che la rottura della loro relazione sia avvenuta proprio sabato sera.

Un dolore, forse, che Fabio non è stato in grado di gestire e che l'ho ha spinto ad uccidere e ad uccidersi. Secondo il racconto di un testimone, reso alla squadra mobile di Venezia, Fabio è arrivato con il suo sooter, nel frattempo è arrivata in bicicletta Eleonora. I due si sono salutati, la ragazza si è fermata e si è messa a parlare con Fabio. Poco dopo è scoppiata una lite ed è stato in quel momento che Fabio ha alzato il sellino della moto, ha preso la pistola, che deteneva regolarmente avendo un porto d'armi sportivo, e ha sparato tre colpi contro Eleonora e infine si è ucciso.

Appena la scorsa settimana Fabio si era laureato in biologia con 110 e lode. Dalla Smith & Wenson 357 Magnum sono stati esplosi quattro colpi, un quinto è rimasto nel caricatore. Secondo fonti vicine agli inquirenti, tre colpi hanno raggiunto la ragazza e uno ha ucciso Fabio. La giovane è stata colpita le prime due volte al torace e l'ultima alla testa. Fabio si è ucciso sparandosi al cuore.

Foto: leggo.it

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017