Excite

Meteo Ferragosto 2012: arriva il caldo africano con "Caligola"

  • Infophoto

Nonostante la tregua dall'afa degli ultimi giorni, a partire da Ferragosto il grande caldo tornerà ad infiammare le città italiane: è previsto proprio a ridosso del 15 agosto l'arrivo di Caligola, una nuova e lunga ondata di caldo che farà nuovamente impennare le temperature. La giornata di Ferragosto sarà forse l'ultima sopportabile prima del grande caldo africano: sereno su tutta la Penisola, con poche nubi sulle Alpi e lungo l’Appennino, le temperature si attesteranno su valori compresi tra 28 e 35 gradi. L'ideale per chi ha già raggiunto le mete di vacanza o per chi si appresta alla tradizionale gita fuori porta

Subito dopo, invece, arriverà il sesto, vastissimo, anticiclone subtropicale di questa estate: praticamente un record, visto che nell'ultimo decennio non si sono mai verificate più di 3-4 ondate di calore in ciascuna stagione (solo nel 2009 ce ne sono state 5). Stavolta invece, dopo Scipione, Caronte, Minosse, Circe e Ulisse, a partire da Ferragosto e per almeno 8-10 giorni si verificherà l'anticilclone più esteso della stagione. Si chiamerà Caligola e porterà temperature più alte della norma da nord a sud.

I giorni più caldi, in cui si verificherà il picco massimo annunciato dai meteorologi, saranno quelli del week-end del 18 e 19 agosto. Ma l'anticilcone persisterà almeno fino a martedì 21, con temperature che raggiungeranno i 39 gradi a Bologna, Ferrara e Firenze, mentre si sfioreranno i 40 gradi nella Capitale. Più a rischio il Centrosud e le isole, che combatteranno con l'afa per quasi tutta la settimana successiva, con punte anche di 41 gradi in Sicilia e Sardegna. Stavolta l'anticiclone colpirà anche il Nord, dalla Lombardia alla Val d'Aosta: sulle Alpi arriveranno piogge e temporali solo dal 25-26 agosto.

Proprio per l'assenza di piogge importanti (a nulla sono serviti i piovaschi su Puglia e Appennini) non accenna a fermarsi l’emergenza siccità in tutto il Paese: l'Umbria ha già chiesto lo stato di calamità naturale, mentre interi ettari di coltivazioni di viti sono andati perduti in Emilia e Puglia. I danni economici, stimati dalle associazioni degli agricoltori, ammontano a circa un miliardo di euro. Una situazione che non migliorerà almeno fino alla metà della prossima settimana, quando dovrebbero arrivare perturbazioni provenienti dal Nord Europa. Anche i forti temporali che si sono abbattuti su Roma nelle ultime ore, provocando allagamenti, alberi caduti e caos nella circolazione tanto da richiedere l'intervento dei Vigili del Fuoco, lasceranno presto spazio all'afa.

Nubifragi a Roma: guarda il video

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2014