Excite

Meteo novembre 2012: arriva Medusa. Piogge e maltempo in tutta Italia

  • Getty Images

Si chiama Medusa e ci condurrà dritti verso le rigide temperature invernali: dopo un week-end dal clima mite e soleggiato, soprattutto al Centro-Sud, nell'ultima settimana di novembre 2012 ci attende una nuova perturbazione, la numero sei del mese di novembre, che porterà piogge abbondanti e un brusco calo della colonnina di mercurio. Pronti dunque a dire addio alla bassa pressione e al tempo stabile: questa settimana bisognerà tirare fuori ombrelli e cappotti.

Denominata "Medusa" dai media, che ormai hanno l'abitudine di battezzare i cambiamenti climatici con nomi femminili e dal carattere epico, la nuova e intensa perturbazione di origine atlantica raggiungerà il nosro Paese dopo aver attraversato Inghilterra, Francia e penisola Iberica. Attesa tra martedì e mercoledì, Medusa porterà piogge abbondanti sull'intera penisola, con venti di scirocco intensi che renderanno più evidente lo sbalzo delle temperature.

Generato dall'incontro di due masse d'aria, una fredda e l'altra calda, il ciclone Medusa porterà maltempo soprattutto al Nord e sulle regioni tirreniche, già a partire dal pomeriggio di lunedì. A sole due settimane dall'ondata di piogge che ha devastato la Toscana e provocato danni in molte altre regioni, torna dunque l'allerta per le precipitazioni abbondanti, poichè in 48 ore, potrebbero accumularsi quantitativi da 100 a 200 mm di pioggia.

Il maltempo è atteso già della seconda parte di lunedì con le prime piogge al Nordovest, che si sposteranno dalla Liguria verso il Piemonte e la Lombardia. Tra martedì e mercoledì si verificherà un notevole peggioramento climatico sull'intera Penisola: i temporali che investiranno Centro-Nord e Sardegna si sposteranno anche al Centro-Sud. Le regioni che saranno maggiormente coinvolte dalle piogge sono quelle del versante tirrenico (Liguria, Toscana, Lazio e Campania), oltre alle regioni settentrionali (Piemonte, Veneto, Friuli Venezia Giulia). Lo scirocco favorià nuovamente l'acqua alta a Venezia, che nelle scorse settimane ci ha regalato le immagini di turisti intenti a fare il bagno a Piazza San Marco.

Il rischio sarà più alto nella mattinata di mercoledì, quando il maltempo imperverserà in tutta Italia, con importanti precipitazioni al Nord, ma anche tra Toscana e Lazio e sulla Campania. La neve sulle Alpi sarà al di sopra dei 1300-1800 metri. Nella stessa giornata è previsto anche l'arrivo della bora a Trieste.

La perturbazione comincerà ad abbandonare gradualmente l'Italia nella notte tra mercoledì 28 e giovedì 29: le piogge lasceranno il Nord, ma il maltempo continuerà ad imperversare ancora al Centro-Sud. Ma non andrà meglio nel prossimo week-end, quando le temperature si confermeranno rigide, in pieno clima invernale.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017