Excite

Michele Graziano, sgozza i figli di 2 e 8 anni, poi tenta il suicidio: orrore a Giussano

  • Youtube

Orrore a Paina di Giussano, piccolo centro della provincia di Monza e Brianza, dove un padre separato ha ucciso i suoi due bambini con un coltello da salumi prima di provare a suicidarsi con la medesima lama dallo spessore di 10 centimetri.

Accoltellata in strada, giallo sulla morte di una ragazza a Udine

L’uomo, un trentaduenne impiegato alla Esselunga di Lissone, si era da poco allontanato dalla moglie ma fino al momento del folle gesto non aveva mai dato segni di squilibrio mentale, come testimoniato dall’avvocato di parte oltre che da alcuni conoscenti.

Inspiegabile, se non con un’alterazione improvvisa, il violento raptus che ha portato il Graziano ad uccidere i figli nella maniera più cruenta possibile, senza alcuna pietà per le due giovani vite spezzate. Drammatica la scena che si è presentata alle forze dell’ordine sopraggiunte nell’appartamento di via IV novembre, poco prima dell’una di notte, quando è arrivata la richiesta di intervento: i corpi dei bimbi, di 2 e di 8 anni, si trovavano straziati a terra, mentre l’omicida versava in condizioni delicate per le profonde ferite da taglio riportate nel tentativo di suicidio.

Adesso l’autore di questo efferato crimine è fuori pericolo, piantonato da una pattuglia di carabinieri all’esterno dell’ospedale San Gerardo di Monza, in attesa dell’arresto per il gravissimo reato commesso ai danni delle due vittime innocenti.

Sotto shock l’intera comunità di Giussano, incredula per l’atrocità commessa da una persona mai considerata finora pericolosa da amici e colleghi di lavoro, nonostante le difficili vicende familiari dell’ultimo periodo legate alla separazione di fatto con la moglie, con la quale aveva concepito uno dei due figli poi brutalmente uccisi.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017