Excite

Mike Bongiorno, si parla di 'indagini lunghe e complesse'

Indagini lunghe e complesse quelle relative al trafugamento della salma di Mike Bongiorno dal cimitero di Dagnente. Così ha detto il Procuratore della Repubblica di Verbania, Giulia Perrotti. A quanto pare, la banda di malviventi che martedì ha fatto sparire la bara del re del quiz, scomparso nel settembre del 2009, non ha alcuna fretta di chiedere il riscatto ed ha svolto un lavoro pulito. Il solo errore che gli autori del trafugamento potrebbero aver commesso è quello di tenere in tasca un cellulare, anche spento, che però avrebbe lasciato una traccia.

Le immagini della tomba trafugata

Le foto del cimitero dove riposava la salma di Mike Bongiorno

Le foto del funerale di Mike Bongiorno

I video dedicati al re dei quiz, Mike Bongiorno

Nel frattempo ieri il magistrato ha smentito la notizia secondo la quale sarebbe stato identificato il furgone con la bara in viaggio verso Milano che sarebbe stato filmato da una telecamera della società autostradale. Ora si parla di un'auto bianca.

Come si legge sul quotidiano Il Corriere della Sera, gli inquirenti stanno svolgendo un'indagine incrociata. Da un lato stanno esaminando le tracce lasciate dal cellulare, dall'altro stanno passando al setaccio i filmati delle telecamere pubbliche e private situate lungo tutte le vie di fuga da Dagnente e sulle autostrade, in cui comparirebbero mezzi compatibili con le tracce di pneumatici lasciate sullo spiazzo sterrato sotto il cimitero.

Sempre secondo quanto riportato dal quotidiano, il loculo in cui si trovava il feretro è stato sigillato con una tavola di compensato per lasciare che i reagenti spruzzati all'interno rivelino nei prossimi giorni l'eventuale presenza di tracce biologiche o impronte. Intanto al cimitero di Dagnente si sta registrando un via vai di curiosi.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017