Excite

Minacce a Saviano: assolti i boss Bidognetti e Iovine, condannato l'avvocato. Roberto: "Non sono imbattibili"

"Non sono imbattibili, non sono invincibili e la sentenza lo dimostra", così Roberto Saviano ha commentato la sentenza con cui oggi il tribunale di Napoli ha assolto Francesco Bidognetti e Antonio Iovine, i due boss accusati di minacce all'ormai famosissimo scrittore e all'ex giornalista de Il Mattino Rosaria Capacchione. L'unica condanna è arrivata per Michele Santonastaso, l'uomo per il quale i due esponenti del clan dei casalesi (anche se Iovine è collaboratore di giustizia) si riteneva avessero messo in opera il reato.

Saviano torna nel suo paese, fischi in piazza

Era stato infatti proprio il legale, nel marzo 2008, durante il processo che poi portò alle condanne di decine di esponenti del clan di Casal di Principe (paese di origine dello scrittore), a presentare un'istanza di ricusazione piena di riferimenti a Saviano, alla Capacchione (ora senatrice Pd) e ai magistrati Raffaele Cantone e Federico Cafiero De Raho (per loro è in corso un altro procedimento a Roma). Per quelle parole, che i pm della Dda di Napoli interpretarono come una vera e propria lettera di minacce in stile terroristico, che partì il processo da cui nacque il "mito" dell'autore di Gomorra, e insieme la fine della sua libertà.

Roberto Saviano diviso tra successo e aspre polemiche

Così Saviano ha commentato l'esito del processo: "Lo spiego con la strategia difensiva accolta dalla Corte, e cioè che l’avvocato abbia fatto da schermo all’organizzazione. Non si può pensare che l’avvocato dei camorristi possa prendere un’iniziativa personale senza interloquire con i capi. Se così fosse davvero non abbiamo capito niente della camorra". Aggiungendo però: "Non sono imbattibili, non sono invincibili e la sentenza lo dimostra. Adesso spero di avere una vita normale." Precisamente la Terza Sezione del Tribunale di Napoli, presieduta da Aldo Esposito, ha condannato Santonastaso a un anno di reclusione con la sospensione condizionale della pena, e al pagamento di una provvisionale di 20mila euro alla Capacchione.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017