Excite

Mario Catto, regista di Magnolia morto in strada per freddo ed alcol

  • Getty Images

Lo hanno trovato riverso in strada a Milano giovedì mattina, nei giardini all’angolo tra viale Lazio e viale Montenero: quando i passanti hanno allertato le forze dell'ordine l'uomo era già morto, probabilmente per il freddo e l'alcool. Apparentemente una delle tante tragiche storie che vedono vittime del freddo e dell'indifferenza clochard e senzatetto.

Il fatto di averlo ritrovato senza documenti non ha però tratto in inganno gli investigatori: l'uomo aveva infatti un mazzo di chiavi in tasca e il suo abbigliamento non lasciava certo pensare ad una persona che vivesse per strada. Sono bastate poche indagini dei carabinieri per scoprire che in realtà la vittima era un regista della casa di produzione Magnolia, si chiamava Mario Catto e aveva 42 anni.

Originario di Cividale del Friuli (Udine), ma domiciliato a Milano, mercoledì sera tornava a casa dopo una festa aziendale di fine anno, un party prenatalizio con i colleghi di Magnolia. La sua presenza alla serata è stata confermata da diversi invitati, che hanno anche dichiarato di averlo visto bere molto.

Proprio l'abuso di alcol sarebbe stato la causa scatenante del decesso: l'uomo deve essersi sentito male in strada per aver bevuto troppo. Accanto al suo cadavere riverso in terra c'erano delle bottiglie di birra: probabilmente Mario Catto è stato stroncato da un collasso cardiaco indotto da un coma etilico e dalla conseguente ipotermia dovuta al freddo pungente.

Un collega dell'uomo ha scritto un accorato messaggio alla redazione del Corriere.it, per spiegare chi era Mario Catto e perchè è morto in quel modo apparentemente assurdo, dopo una serata tra colleghi finita nel peggiore dei modi: "Mario Catto lavorava come autore e regista televisivo freelance. È morto dopo aver passato una serata di festa con i suoi amici. Aveva bevuto, come me, come tanti dei presenti. Era a una festa aziendale di fine anno, divertente. (...) Mario abitava là vicino e deve essersi incamminato a piedi verso casa. L'aveva comprata da poco. Se l'era ristrutturata tutta da solo, per risparmiare e perché gli piaceva lavorare con le mani. Aveva un gran gusto. Sulla strada di casa deve essersi sentito male, deve aver avuto un malore. Si deve essere accasciato, nel freddo. È stato ritrovato senza documenti in tasca e senza telefono. Ciao Mario".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017