Excite

Muore per un tiro di spinello, il padre gira video sulla tomba: la storia di Connor Eckhardt

  • Facebook

di Simone Rausi

Il 12 Luglio scorso un 19enne californiano, Connor Eckhardt, stava passando una serata tra amici. Uno di loro gli ha offerto uno spinello, Conor ha fatto un tiro, poi – poco più tardi – è andato a dormire ma non si è più risvegliato. Prima il coma, poi la morte. Tutto è accaduto molto velocemente dopo una serata che poteva essere quella di tanti altri adolescenti. Oggi arriva un video estremamente toccante, girato dal padre Gavin proprio sulla tomba del figlio.

Legalizzazione della marijuana: comico fuma spinello in diretta tv

Il signor Eckhardt è commosso, fa fatica a parlare, “Non posso credere che sia vero” dice, “La mia vita è vuota, mi manchi così tanto. Una sola decisione ha cambiato tutto”. Poi ricorda quello che il figlio amava fare, tutte le cose belle che lo avrebbero atteso. “La mia speranza è che questo video possa cambiare le cose per qualcuno” dice Mister Eckhardt. D’altronde il padre di Conor, insieme alla moglie, si sta attivamente impegnando in una campagna di sensibilizzazione contro le droghe sintetiche. Lo spinello in questione, infatti, era fatto di marijuana sintetica ed un solo tiro è bastato a non fare arrivare più ossigeno al cervello di Connor che, una volta arrivato in ospedale, è stato subito definito in morte cerebrale.

Si chiama “Do it 4 Connor” la campagna che Devin e la moglie Veronica, i genitori del ragazzo, stanno portando avanti. Una battaglia combattuta su un sito web ma anche per le strade e in diverse città dove i due tengono dei convegni sulla pericolosità delle droghe sintetiche. Questo tipo di stupefacenti, infatti, è assai diffuso in California nonostante il consumo sia illegale. Si possono trovare negli smoke shop o comprarle comodamente online.La pericolosità delle droghe sintetiche è poco conosciuta dalle persone. Non si sa cosa ci sia dentro e nemmeno in quale quantità. Possono risultare 1.000 volte più letali di uno spinello” ha dichiarato il dottor Andrei Monte, anche lui impegnato nel sostegno della campagna.

La nostra battaglia andrà avanti. Non lasceremo che ciò che è capitato a noi possa succedere ad altri” ha dichiarato la coppia che, nel frattempo, ha anche postato sui social alcuni scatti di Connor in ospedale, attaccato a dei tubi. Delle immagini forti che hanno l’obiettivo di colpire, scuotere la coscienze. “Non ci crediamo. Questo non deve accadere più a nessuno”.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017