Excite

Naufragio a Lampedusa: una vittima e decine di migranti dispersi

  • Infophoto

Ancora una volta un viaggio della speranza si trasforma in tragedia. Un barcone con un centinaio di migranti è affondato nella notte nel canale di Sicilia: i primi naufraghi sono stati avvistati in mare al largo di Lampedusa intorno alle 2.30 della notte, mentre un’altra decina di sopravvissuti scampati all’annegamento si sarebbero rifugiati sullo scoglio dell’isolotto di Lampione.

La capitaneria di porto sul naufragio a Lampedusa: guarda il video

Le ricerche erano partite già prima che tramontasse il sole, dopo un SOS lanciato con il cellulare, ma solo a notte fonda, a circa 12 miglia dalla costa, è stato possibile trarre in salvo le prime quattro persone. Due di loro hanno affiancato i soccorritori nell’individuare e recuperare i compagni in mare. I primi interventi dei soccorritori hanno cercato, con difficoltà, di individuare i corpi in mare: vista la scarsa visibilità, sono stati utilizzati razzi di segnalazione visibili anche in lontananza.

Con la luce del mattino è stato possibile accelerare le operazioni di salvataggio: sono oltre cinquanta le persone tratte in salvo dalle acque lampedusane. Al momento è stato recuperato un cadavere, ma il bilancio potrebbe essere ancora più drammatico perché mancano all’appello decine di persone. Non è ancora chiaro quanti fossero esattamente i migranti a bordo e la loro provenienza (probabilmente tunisina), ma secondo le testimonianze dei sopravvissuti, sul vecchio motopesca in legno di dieci metri viaggiavano oltre un centinaio di extracomunitari, forse anche 150 persone.

Sono in mare tre motovedette della Guardia costiera, tre mezzi della Guardia di Finanza, aerei e tre unità militari della Nato, di cui una batte bandiera italiana, per intensificare le ricerce dei circa 40 dispersi, oltre a imbarcazioni da diporto private e una squadra di sommozzatori per la ricerca dei corpi di eventuali vittime.

Al momento non è stata trovata alcuna traccia del relitto, che potrebbe essere affondato velocemente oppure essere tornato indietro verso le coste africane dopo avere abbandonato i migranti nei pressi dell'isolotto di Lampione.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017