Excite

Navi italiane in Libia, Tobruk minaccia l’Italia: a Tripoli devastato cimitero

  • Twitter @adgiornalaio

Tensioni che si fanno incandescenti quelle tra la Libia e l’Italia a seguito dell’avvistamento di tre navi da guerra italiane nelle acque territoriali libiche senza autorizzazione. Il governo libico di Tobruk ha minacciato il nostro Paese che “utilizzerà ogni mezzo” per proteggere la propria sovranità.

Leggi del sequestro di quattro italiani in Libia

Le navi italiane avvistate sono state localizzate al largo della costa di Bengasi nella notte tra sabato e domenica a Daryana, a circa 55 km a est della città e probabilmente fanno parte di quelle disposte dai Paesi dell’Unione Europea per contrastare il traffico di migranti diretti verso le coste italiane.

Eppure l’Italia nega che le navi militari abbiano violato le acque libiche: “La notizia diffusa stamane da fonti libiche circa la presenza ieri di tre navi italiane nelle acque territoriali libiche è falsa – questa la nota ufficiale del Ministero della Difesa - Tutte le navi militari italiane presenti nel Mediterraneo operano in acque internazionali rispettando i limiti stabiliti dai trattati”.

(Guarda il video "L’Italia è pronta per la guerra in Libia?")

Questa contrapposizione netta tra Libia e Italia ha fatto scaturire una serie di tensioni tra i due Paesi mediterranei tanto che è giunta notizia che è stato profanato il cimitero cattolico italiano di Tripoli Hammangi, secondo quanto riferito all’Adnkronos da Giovanna Ortu, presidente dell'Associazione Italiani rimpatriati dalla Libia.

“Purtroppo non è una notizia nuova, è un destino amaro e ripetuto” ha infatti detto la presidente dell'Airl ricordando le innumerevoli volte in cui il cimitero italiano con circa 8 mila tombe è stato profanato, e ciò proprio nel giorno di Ognissanti, alla vigilia della Commemorazione dei defunti del 2 novembre.

Una situazione dunque sul filo del rasoio quella tra i due Paesi mediterranei con Tobruk che ha invitato l'Italia "a rispettare i trattati firmati tra i due Paesi" reputando "l'ingresso delle navi italiane come un atto contrario a tutti gli accordi internazionali ratificati dall'Onu", e dall'altra la ferma smentita delle autorità italiane.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017