Excite

'Ndrangheta e Superenalotto

Il Superenalotto per riciclare somme ingenti di denaro provenienti dal traffico di droga. E' quanto emerso dalle indagini sul clan dei Lucà, in Calabria. A quanto pare la 'ndrangheta riciclava soldi sporchi con le vincite del Superenalotto.

In seguito alle indagini sono stati sequestrati beni per un valore di oltre 5 milioni di euro e confiscati due immobili a Marina di Gioiosa Jonica, ma soprattutto si è scoperto che la 'ndrangheta, per riciclare i proventi del traffico internazionale di droga, acquistava dal reale vincitore del Superenalotto le schedine vincenti e si faceva poi accreditare le vincite dalla Sisal di Milano su conti correnti accesi appositamente, sottraendosi così al rischio di segnalazioni per operazioni sospette.

Come sottolineato dalla Repubblica, sembra che questo tipo di tecnica sia stata adottata per una super-vincita realizza a Locri, nella ricevitoria del suocero di Nicola Lucà, già condannato a 14 anni di reclusione per associazione finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017