Excite

News of the World chiude dopo lo scandalo delle intercettazioni

  • Foto:
  • newsoftheworld.co.uk

In seguito allo scandalo delle intercettazioni illecite News of the World, il settimanale più venduto in Gran Bretagna e non solo, chiude. L'ultimo numero uscirà domenica 10 luglio e non avrà pubblicità. I proventi delle vendite saranno devoluti alle vittime dello scandalo e spazi del giornale saranno dedicati alla beneficenza. Questa la decisione del magnate australiano Rupert Murdoch, proprietario del tabloid britannico fondato nel 1843.

L'annuncio è stato dato da James Murdoch, figlio di Rupert, che ha denunciato il comportamento sbagliato del suo giornale e ha garantito piena collaborazione alla polizia. L'inchiesta giudiziaria che ha coinvolto News of the World ha portato ad arresti e all'incriminazione di più persone. Secondo il The Guardian, tra l'altro, oggi potrebbe essere arrestato Andy Coulson, ex direttore del tabloid ed ex portavoce del premier britannico David Cameron. Coulson è sospettato di essere stato a conoscenza, o anche direttamente coinvolto, delle intercettazioni telefoniche illegali condotte per conto del settimanale britannico durante il periodo della sua direzione, dal 2003 al 2007.

Il tabloid News of The World è accusato di aver pagato la polizia e di aver intercettato illegalmente i telefoni di politici e celebrità; di Milly Dowler, la studentessa 13enne assassinata nel 2002; dei familiari delle vittime degli attentati terroristici del 7 luglio 2005.

A far esplodere il caso la conferma dell'intercettazione del cellulare della Dowler ad opera di Glenn Mulcaire, un detective assoldato dal News of The World, che aveva anche cancellato alcuni messaggi inviati alla ragazzina convincendo la polizia che potesse essere ancora viva.

La vicenda ha alzato il velo su un comportamento deprecabile, che si può sintetizzare così: tutto pur di vendere. La polizia è ora impegnata ad esaminare oltre 4mila nomi e sul caso è intervenuto anche il mondo della politica. Considerando che Coulson è stato portavoce e direttore delle strategie di comunicazione di Cameron, ci si domanda quando il primo ministro ha saputo che il suo portavoce era compromesso.

Se il premier sapeva qualcosa, infatti, potrebbe essere accusato di aver cercato di proteggere Coulson; mentre se si scopre che non sapeva nulla, potrebbe vedere venir messa in dubbio la sua capacità di giudizio. E per tale ragione al momento Cameron si sente in imbarazzo e ha preferito non affrontare la vicenda.

Nel frattempo è slittata a settembre la decisione del governo sull'acquisto di BSkyB, la pay tv che Murdoch controlla già in parte e di cui vorrebbe comprare la maggioranza. Al momento l'editore di origine australiana non è visto di buon occhio e, in questa situazione, sarà difficile che il governo possa dare parere favorevole all'acquisto. Lo scandalo di News of the World potrebbe aver segnato il declino dei tabloid sensazionalisti.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017