No Tav, scontri in Val di Susa. Preso il 'pecorella'

  • Infophoto

Cinque poliziotti feriti, otto carabinieri e cinque attivisti fermati, è il bilancio diffuso dalla Questura di Torino, dopo gli scontri di questa notte in Val di Susa a Chianocco sull'autostrada A32. Impossibile invece fare una stima dei No Tav feriti durante le cariche, iniziate intorno alle 22, e che oggi promettono nuove manifestazioni: "Blocchiamo tutto, dappertutto, alle 18".

Gli anarchici sono stati arrestati per resistenza a pubblico ufficiale mentre la viabilità dell'autostrada Torino-Bardonecchia questa mattina è ritornata alla normalità. Il movimento No Tav aveva occupato la A32 con un presidio ad oltranza dopo la caduta dal traliccio di Luca Abbà.

I manifestanti a a seguito degli scontri hanno presentato esposto alla Questura per denunciare "cariche violentissime, caccia all'uomo, vetrate dei bar distrutti per un rastrellamento di antica memoria, macchine parcheggiate vandalizzate e altro".

LA TROUPE DEL CORRIERE.tv
Ieri intorno a mezzogiorno una troupe di giornalisti di H24-Corriere.Tv è stata aggredita e malmenata da una quarantina di No Tav. Gli operatori circondati sono stati gettati a terra e distrutta l'attrezzatura (guarda il video sotto). I manifestanti credevano che fossero agenti infiltrati della Digos. "Abbiamo avuto molta paura però stiamo bene" dicono i tre. Diversa la versione raccontata dal Comitato lotta popolare No Tav di Bussoleno secondo il quale gli operatori televisivi non sarebbero stati nè minacciati nè colpiti, ma solo "allontanati per la loro incolumità, vista la situazione anche emotiva e con un altro mezzo a loro disposizione sono rientrati nell’albergo in cui alloggiano".

IL CASO "PECORELLA"
Scoppia il caso del giovane No Tav che in un video provoca e insulta un Carabiniere. Il giovane si chiama Marco Bruno e non farebbe parte del movimento No Tav. Tra gli arrestati di questa notte ci sarebbe anche il manifestante-sberleffatore (guarda il video dell'arresto), rilasciato in serata, mentre l'agente ha ricevuto l'encomio solenne ed i complimenti del ministro Cancellieri. Su Twitter gli utenti si scatenano contro il No Tav e l'hashtag #pecorella è tra i top trend di oggi.

Aggressione alla troupe del Corriere

Ciro Alfieri

guardando bene l'immagine del carabiniere e del provocatore mi viene da ridere perché è la prima volta che vedo una pecorella con un...coglione

2012-03-01 11:10:46
Erne Borello

Basta sono stufa di vedere i nostri ragazzi umiliati e derisi da questi quatto malviventi questi non sono i contadini che si dovranno prendere il danno della tav sono dei terroristi non posso piu' sopportare che i soldi pubblici vengano sprecati per questi quattro coglioni scusate il termine invece di spendere soldi per i lacrimogeni basterebbe innaffiarli con il letame costa poco è ecologico ed è l unico trattamento che meritano oltre al carcere a vita

2012-03-02 14:49:26

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2014